fbpx

“The state of art” la gioielleria riparte da VicenzaOro

Una nuova, coinvolgente edizione che chiama a raccolta la filiera completa degli operatori internazionali che sentono forte il bisogno di ristabilire contatti fisici per fare business.

Dopo quasi un anno di stop forzato agli eventi in presenza, il quartiere fieristico vicentino si animerà dal 10 al 14 settembre.
VicenzaOro, organizzato da Italian Exhibition Group, torna in presenza, occupando tutti i padiglioni con una nuova, coinvolgente edizione che chiama a raccolta la filiera completa degli operatori internazionali che sentono forte il bisogno di ristabilire contatti fisici per fare business.

L’edizione settembrina della kermesse, che gode del supporto del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale e dell’Agenzia ICE, vedrà la partecipazione dei buyer provenienti da tutto il mondo, grazie alla fiducia condivisa sul buon andamento della campagna vaccinale in corso, in particolare in Europa e nei paesi strategici del Middle-East. Fope, Roberto Coin, Crivelli, Bros Manifatture, Unoaerre, Graziella Group, Chrysos, Karizia, World Diamond Group sono tra i grandi nomi già confermati a VOS per quello che sarà il primo appuntamento di settore in Europa, a tutto quartiere, con un’offerta estesa all’intera filiera e un layout rinnovato.

Marco Carniello

“Il nostro player fieristico offre alla community internazionale della gioielleria ed oreficeria la prima occasione dell’anno per riprendere il business”.

Molto soddisfatto del ritorno live dell’evento Marco Carniello, Global Exhibition Director Jewellery & Fashion IEG: “Il nostro player fieristico offre alla community internazionale della gioielleria ed oreficeria la prima occasione dell’anno per riprendere il business, riallacciare le relazioni dal vivo con fornitori, buyer, operatori di tutta la filiera, stampa internazionale. Il settore, seppur gradualmente, sta riacquisendo fiducia nella ripresa e come player fieristico di riferimento sentiamo la responsabilità di guidare questa nuova fase. Dopo molti mesi di stop, il desiderio di ritrovarsi è molto forte e non vediamo l’ora di accogliere tutti in fiera e rimettere in circolo saperi e abilità, in un contesto ricco di arte e cultura come quello della città di Vicenza. Nei padiglioni un nuovo layout per garantire la migliore esperienza di visita in sicurezza, novità di prodotto anche per il mondo degli orologi, tendenze e contenuti discussi dai massimi esperti e influencer del settore.”

Insieme a VOS, spazio alle innovazioni in campo tecnologico con il T.Gold, il salone internazionale per i macchinari e le tecnologie avanzate per i processi di progettazione e realizzazione del gioiello. Tradizionalmente in programma a gennaio, quest’anno T. Gold si sposta sulla data settembrina, integrato negli stessi padiglioni espositivi e con conferme di calibro: tra le aziende partecipanti Sisma a Legor, Fasti, OMBI, CIMO.

Matteo Farsura

“Dopo oltre un anno e mezzo possiamo offrire al mercato, grazie alla fondamentale sinergia con Afemo, l’opportunità di vedere e toccare con mano gli sviluppi tecnologici”

Matteo Farsura, Exhibition Manager IEG, sottolinea “Abbiamo deciso di organizzare a settembre l’appuntamento con T.GOLD in risposta all’esigenza delle aziende di riprendere prima possibile i contatti con i mercati internazionali di riferimento. Dopo oltre un anno e mezzo possiamo offrire al mercato, grazie alla fondamentale sinergia con AFEMO, l’opportunità di vedere e toccare con mano gli sviluppi tecnologici dei prodotti e dei servizi in mostra, e alle aziende di presentare dal vivo ai buyer le novità. La collocazione della manifestazione all’interno del quartiere fieristico è un elemento nuovo che oltre a favorire una visita sicura e agevole segna un fondamentale momento di ripartenza corale capace di coinvolgere tutti i protagonisti della filiera orafa.

Pressoché contemporanea anche VOVintage (11-13 settembre), il marketplace per l’orologeria e la gioielleria vintage di pregio aperto al pubblico di appassionati e collezionisti che in questa edizione vedrà anche nuove aree dedicate al segmento orologiero contemporaneo.

Michele Mengoli

“L’orologeria vintage vive un momento storico segnato da numerosi record. Questo andamento positivo consolida la mission di VO Vintage”.

Michele Mengoli, advisor di VOV: “L’orologeria vintage vive un ottimo momento con numerosi record per i tre principali player del settore: Sotheby’s, Christie’s e Phillips. Sotheby’s, che è la sola a fornire dati sul segmento dell’orologio, ha avuto un calo del 10% nel 2020 (da 108,7 milioni di dollari a 97,5), contando però sulla vendita di un Rolex Daytona Ref. 16516 in platino con quadrante in lapislazzuli per 3,3 milioni di dollari. Christie’s nel 2020 ha stabilito 11 record su altrettanti modelli e 5 suoi orologi sono stati battuti per oltre 1 milione di dollari. Mentre Phillips, sempre nel 2020, ha registrato l’offerta online più alta di sempre per un Patek Philippe del 1954, Referenza 2523/1 in oro rosa venduta per 6 milioni di dollari. È un ottimo momento per lanciare e consolidare VO Vintage a Vicenza”.

https://www.vicenzaoro.com/it/

Altre storie
Chopard ed Elton John, con un’asta raccolti quattro milioni di dollari per la lotta all’Aids