fbpx
Paolo Re

Recarlo, gioielli in cui si concentrano i sentimenti

La potenza della materia, la ricchezza del design, l’attenzione all’ambiente

Quattro anni fa ha festeggiato il mezzo secolo di attività, ma per una realtà così fortemente attiva la partita è appena incominciata: le politiche di marketing puntano, infatti, ad un piano di business ancora più ampio e articolato incentrato su uno sviluppo continuativo e globale, come è nella visione di Giorgio e Paolo Re, i CEO dell’azienda.

da sx Paolo e Giorgio Re

L’headquarter è a Valenza, distretto simbolo dell’eccellenza gioielliera italiana, ma è nel quadrilatero della moda di Milano che ha il suo showroom, dove il lusso diventa un alleato quotidiano mostrando la sua faccia più contemporanea.Assolute protagoniste sono le pietre preziose non trattate, selezionate dagli esperti gemmologi della Maison secondo i più alti standard qualitativi, che il pregevole taglio russo e differenti castoni ne sublimano lo spettro di colori e l’individualità in anelli capaci di celebrare anche il più piccolo gesto della mano. Ma qui la bellezza è ovunque perché ogni gioiello è pensato come pezzo d’arte fissando in un superbo equilibrio design e materia dai dettagli così precisi. Un esempio è il ciondolo Quadrifoglio dell’iconica Collezione Anniversary: elementi separati che si uniscono in un unicum ricco di suggestioni magico-superstiziose che evocano amore, fede, speranza e fortuna. Trasparenze che ammaliano, ma spesso è il colore che tra zaffiri, smeraldi e rubini naturali fiammeggia prepotentemente diventando oggetto del desiderio.

«Da sempre la sostenibilità è un valore che fa parte del nostro DNA, sia come Brand che come famiglia. In questi anni abbiamo voluto investire cuore e mente per un futuro migliore»

Se un gioiello Recarlo si sceglie con il cuore (engagement e marriage sono al centro della sua produzione) e si indossa con orgoglio è perché in esso ci si riconosce, una performance che rientra nelle strategie di fidelizzazione del cliente (a cui ad ogni acquisto l’azienda riserva certificato di Garanzia Internazionale di qualità, Assicurazione contro rapina e scippo, microfilm con le caratteristiche gemmologiche del diamante utilizzato, superiore ai 0,14 ct.). Ma l’impegno della Recarlo, che nel luglio 2020 ha ottenuto la certificazione del Responsible Jewellery Council, include nel proprio business anche un percorso di sostenibilità, iniziato già dieci anni fa, utilizzando esclusivamente diamanti naturali provenienti da Paesi aderenti al Kimberley Process.

C’era bisogno di altro? Per Recarlo sì, e a febbraio scorso ha lanciato il progetto Our Promise to You, con cui rinnova la volontà di contribuire ad un cambiamento positivo nel settore della gioielleria.

Questa rivoluzione epocale ha alterato gli assetti. Anche l’approccio all’acquisto di un prodotto Luxury è cambiato? Quanto è determinante il customer engagement?

Paolo Re

Senza ombra di dubbio da alcuni anni stiamo assistendo ad una rapida evoluzione del mondo retail e della distribuzione. Di conseguenza anche l’approccio all’acquisto di un gioiello da parte del cliente finale è cambiato sensibilmente. Coinvolgere il cliente, fargli vivere un’esperienza unica in un’ottica di omnichannel è un elemento imprescindibile se si vuole essere competitivi sul mercato e far crescere la propria Brand Awarness a livello internazionale. Insieme ai nostri Partner stiamo lavorando in un’ottica di “Drive to store” con lo scopo di aumentare le visite nei canali online e le vendite nei negozi fisici. La nostra Academy è sempre più un supporto per la crescita delle competenze e delle tecniche del lusso per i nostri dealers nazionali e internazionali.

Il sistema economico ha subito un rallentamento, per molti una brusca frenata. Recarlo come sta vivendo la ripresa?

Con il 2020 abbiamo capito quanto i fattori esogeni possono influenzare le nostre vite e il nostro business. Abbiamo iniziato a renderci conto della ripresa con il secondo quarter di quest’anno, quando sono riprese le prime celebrazioni: fidanzamenti, matrimoni, battesimi, anniversari. Da sempre questo rappresenta il territorio di marca di Recarlo, con il solitario asset strategico del Brand. Come azienda non abbiamo mai smesso di investire anche nei momenti più complicati e oggi il cliente finale sembra aver compreso l’importanza di una marca, di un prodotto di altissima qualità e delle garanzie che un Brand come Recarlo può offrire.

Con il mercato italiano il brand ha un legame di lunga data, all’estero in quali Paesi è già presente e su quali intende spingersi per incrementare l’internazionalizzazione?

I risultati degli ultimi anni ci hanno permesso di migliorare e consolidare la nostra presenza nel mercato italiano ed allo stesso tempo di definire con sempre maggior chiarezza i punti di forza del brand su cui basare la nostra strategia di internazionalizzazione. Attualmente la nostra espansione è focalizzata sui mercati Europei, con una distribuzione mirata e selettiva che possa contribuire a far apprezzare Recarlo come brand unico e distintivo di gioielleria Bridal contemporanea. Per i prossimi anni prevediamo una crescita del Brand a livello internazionale e la prosecuzione del nostro progetto Shop-in-shop nel canale wholesale.

Quanto è mirato alla sostenibilità il processo produttivo?

Da sempre la sostenibilità è un valore che fa parte del nostro DNA, sia come Brand che come famiglia. In questi anni abbiamo voluto investire cuore e mente per un futuro migliore. Il nostro progetto sulla sostenibilità “Our promise to you” si basa su tre pilastri: product, planet e people. Dal punto di vista produttivo, la trasparenza è sempre stata un nostro valore distintivo. I nostri gioielli sono accompagnati da certificati gemmologici che attestano la qualità e le caratteristiche intrinseche delle nostre gemme. Inoltre, abbiamo ricevuto una serie di certificazioni che comprovano la conduzione responsabile del business a livello etico, sociale e ambientale. Attualmente stiamo implementando le attività di monitoraggio sull’impatto ambientale di Recarlo. Nel frattempo utilizziamo il 100% di energia autoprodotta da fonti rinnovabili.

https://www.recarlo.com/

Altre storie
I colori del deserto nella collana Sahara creata da Stefan Hafner