Hong Kong ha deciso di eliminare la quarantena obbligatoria in hotel per gli arrivi internazionali a partire da lunedì 26 settembre, ponendo fine ai limiti di viaggio che hanno tenuto l’hub finanziario asiatico isolato a livello globale negli ultimi due anni e mezzo, causando numerose critiche e non pochi problemi economici alla città. Le controverse misure erano state infatti aspramente condannate da gruppi imprenditoriali, diplomatici e da molti residenti, che le consideravano una minaccia alla competitività di Hong Kong e alla sua posizione di hub finanziario globale.

Dalla prossima settimana per chi arriva dell’estero sarà necessario soltanto seguire un programma di self monitoring per i tre giorni successivi all’ingresso nell’isola. Un cambio di passo a lungo atteso dai mercati che porterà il polo asiatico a nuovi scenari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.