fbpx

Vienna e Mara Palma, progettare con ottimismo

È un’ondata di energia, di vitalità nel processo di posizionamento del proprio brand nel mondo del bijou. Se moda e donne sono due grandi alleate, Paviè è una contaminazione di marcata visibilità.

Mara e Vienna Palma

Due sorelle gemelle, Vienna, coadiuvata dal fratello Francesco nella progettazione e nel design, e Mara, impegnata nella gestione dei rapporti con i clienti. Si muovono in linea con le tendenze, o forse è più corretto dire che l’idea di trend ce l’hanno nel sangue. Le loro radici sono nel mondo del gioiello ma hanno rinnovato lo storytelling di famiglia facendo del loro stile qualcosa di teatrale. È un’ondata di energia, di vitalità nel processo di posizionamento del proprio brand nel mondo del bijou. Se moda e donne sono due grandi alleate, loro celebrano questa liaison mettendo in primo piano due componenti strettamente legati tra loro, femminilità e divertissement, ma trattati con grande rigore.

Tra gli ingredienti c’è il talento, insieme a curiosità e fantasia, perché indossare una loro creazione possa essere un’occasione per reinventarsi nella realtà

Tra gli ingredienti c’è il talento, insieme a curiosità e fantasia, quella che vuole cristalli ben assortiti con dominanza di colore – magari a contrasto -, copiosi e dalle grandi dimensioni, spesso oversize… il fascino dell’audacia. Insomma un mix di fattori. C’è tutto, da perderci la testa, perché indossare una loro creazione possa essere un’occasione per reinventarsi nella realtà, e per non dimenticare che piacersi è il primo passo per piacere.

Rispetto ai risultati raggiunti, la vostra meta è ancora più ambiziosa?
Sì, siamo in continua evoluzione. Ad ogni obiettivo raggiunto ne prefissiamo immediatamente un altro. Ci piace metterci in gioco e non dare per scontato nessun traguardo. Proprio in questi giorni abbiamo lanciato la collezione Uomo Paviè e siamo davvero soddisfatte dei risultati ottenuti in un periodo storico come quello che stiamo vivendo.

Cosa significa essere oggi donna imprenditrice?
Prima di tutto essere coraggiosi, tratto distintivo da sempre della nostra famiglia. Per noi donne non è un ruolo semplice, ma specialmente in questo particolarissimo periodo il nostro obiettivo è riuscire ad esprimere un messaggio di Forza e Determinazione a tutte, dimostrare che con ottimismo e giusta organizzazione si possono raggiungere i traguardi più ambiti.

Il gioiello da sempre è un punto di attrazione, una celebrazione della vanità. Il vostro quanto si distacca dal classico e perché?
Tutte le nostre creazioni sono al passo con le tendenze moda, si rinnovano alla velocità della luce, ma al tempo stesso sono studiate per trasmettere emozioni racchiudendo in sé valori speciali ed intramontabili nel tempo.

Come definiresti lo stile Paviè?
Eclettico e giovane. La sua è una proposta molto ampia di linee che vogliono esprimere ogni sfumatura dell’universo femminile coinvolgendo colore, design e unicità.

Qual è l’aspetto più intrigante del vostro lavoro?
Premesso che per noi più che un lavoro è una forte passione. Quello che ci dà la spinta ogni giorno è veder nascere da una nostra idea un gioiello unico, e non è da poco la soddisfazione di vederlo indossato da tantissime clienti, personaggi dello spettacolo, amiche o semplicemente riconoscerlo per strada. Ad una festa, ad un evento importante, ad un colloquio di lavoro è come se fossimo parte di quel momento, in maniera indiretta certo, e per noi è motivo di orgoglio.

www.pavie.it

Altre storie
Alphabeto dal ciottolo all'oro e ritorno, la prima retrospettiva di Francesca Mo