fbpx

Vicenzaoro September. Voglia di incontrarsi e tanta positività

Dal 10 al 14 settembre, tra nuovi protagonisti e ritorni, la kermesse vicentina si prospetta come il palcoscenico della ripresa, grazie alle forze messe in campo da IEG per uno svolgimento in totale sicurezza e grazie anche all’entusiasmo delle aziende che hanno voglia di ripartire

Una vetrina per i nuovi marchi, un luogo dove incontrarsi e tornare a darsi la mano o riallacciare i fili interrotti dopo tanti anni di partecipazione continuativa. C’è grande attesa tra le aziende partecipanti per la prossima edizione di VicenzaOro September, un progetto nel quale hanno creduto e che ora hanno voglia di vivere.

«La fiera è un’occasione per rivedersi e se ci sono i clienti e il lavoro sono momenti piacevoli. Il lato umano è mancato»

Filippo Scortecci
GIOIELLIAMO

Non vede l’ora di tornare in via dell’Oreficeria Filippo Scortecci, dell’aretina Gioielliamo, habitué della fiera, che porterà una collezione con una dedica molto particolare.

Filippo Scortecci

«Si torna in presenza dopo due anni, sebbene con molti punti interrogativi, perché non sappiamo quale potrà essere l’affluenza e che libertà di spostamento ci sarà. Cerchiamo però di pensare positivo e speriamo di incontrare i nostri clienti. Sembra che tra i gioiellieri italiani ed europei ci sia la voglia di venire a toccare con mano le novità e speriamo che sia un successo. La fiera è un’occasione per rivedersi e se ci sono i clienti e il lavoro sono momenti piacevoli. Il lato umano è mancato, anche se ci siamo riorganizzati cercando altri canali. A settembre presenteremo una nuova collezione semplice ma elegante, che si chiama “Emma” come l’ultima arrivata in famiglia, mia figlia di due anni. Speriamo sia di buon auspicio».

«C’è voglia di incontrarsi e darsi la mano. Anche i nostri clienti ci hanno creduto molto, nonostante l’incertezza e ci saranno. Sinceramente, sul piano della sicurezza, credo che la fiera stia gestendo tutto in maniera molto attenta»

Danilo Alagi
ART & SOFT

La sua azienda è specializzata in software e sistemi digitali, ma apprezza il contatto in presenza anche Danilo Alagi, di Art & Soft.

Danilo Alagi

«Durante la pandemia abbiamo lavorato moltissimo con il digitale, incorporando nelle nostre soluzioni software and web dei sistemi di videoconferenza con una nostra interpretazione della regia televisiva, permettendo cioè di passare da una telecamera all’altra. È stato un bell’esperimento, che è andato benissimo, ma ci piace molto l’idea di ritrovarci in presenza. La pandemia ha sdoganato il digitale, che rende più veloci i contatti quotidiani, ma la parte di rapporto più empatica, insita nella presenza in fiera, è insostituibile. C’è voglia di incontrarsi e darsi la mano. Anche i nostri clienti ci hanno creduto molto, nonostante l’incertezza e ci saranno. Sinceramente, sul piano della sicurezza, credo che la fiera stia gestendo tutto in maniera molto attenta. Noi eravamo presenti a Voice e penso che anche quest’anno sarà un successo. Da parte nostra, dopo alcuni anni in cui partecipavamo da “itineranti” andando dalle nostre aziende, da un po’ di edizioni abbiamo scelto di avere uno stand dove dialogare coi clienti e vorremmo averlo deciso prima».

«Il nostro marchio è nato a novembre 2020 e sarà l’occasione per presentarlo e affacciarci per la prima volta a una fiera con un brand in anteprima»

Massimiliano Ghisoni
J-UP

Per l’azienda milanese J-Up – distributore esclusivo tra gli altri di Unode50 – VicenzaOro sarà il “debutto in società” del nuovo brand Eleonora Giordani.

Massimiliano Ghisoni

«Per noi esporre a Vicenza è fondamentale, perché il nostro marchio è nato a novembre 2020 e sarà l’occasione per presentarlo e affacciarci per la prima volta a una fiera con un brand in anteprima. Abbiamo iniziato a distribuirlo a fine novembre e nonostante le chiusure abbiamo riscontrato apprezzamento e siamo presenti in 450 punti vendita. Adesso ci sono voglia, emozione e curiosità di capire come risponderà il mercato e di ascoltare cosa ne pensa chi non lo conosce ancora. Vicenza è una fiera internazionale, la più importante in Italia e una delle principali al mondo, quindi anche se viaggiare ora è ancora complicato, è il palcoscenico ideale per questo debutto».

«VicenzaOro è uno dei posti dove sono sempre riuscita a incontrare nuovi designer e trovare pezzi meravigliosi. Per questa ragione, da quando ho deciso di lanciare il mio brand di gioielleria, ho saputo che avrei voluto presentarlo a Vicenza»

Elena Chernyavskaya
ECH JEWELRY

Anche la designer russa Elena Chernyavskaya ha scelto Vicenza per presentare il suo nuovo brand, con sede a Barcellona.

Elena Chernyavskaya

«Sono sempre stata molto appassionata di design del gioiello e VicenzaOro è uno dei posti dove sono sempre riuscita a incontrare nuovi designer e trovare pezzi meravigliosi. Per questa ragione, da quando ho deciso di lanciare il mio brand di gioielleria, ho saputo che avrei voluto presentarlo a Vicenza. Ech Jewelry è nato nel 2019 e l’anno scorso eravamo pronti a partecipare, per mostrarlo ai professionisti del settore, ma la pandemia ha cambiato i nostri piani, come quelli del resto del mondo. È stato un duro colpo, ma ne abbiamo approfittato per migliorare il nostro design, sviluppare nuovi prodotti e ora siamo pronti come non mai. Ech Jewelry si basa sull’incontro tra arte contemporanea e ingegneria del gioiello. Stiamo sperimentando il concetto di bellezza andando oltre gli standard normalmente accettati».

«A livello mondiale Vicenza Oro è l’evento più autorevole, ma anche – dal punto di vista di un designer , continua Elena Chernyavskaya – il più creativo e mentalmente aperto. Per questo motivo per noi è così importante presentare il nostro brand qui e avere dei feedback diretti dalla comunità creativa. Siamo molto emozionati! Inoltre, siamo alla ricerca di nuovi fornitori e clienti, visto che la possibilità di fare network è una delle peculiarità dell’evento. Questi due anni di pandemia sono stati particolarmente difficili per l’industria del gioiello, ci siamo dovuti adattare a una nuova realtà, al distanziamento sociale e ci siamo tutti sentiti un po’ isolati. Un altro motivo per cui siamo felici di partecipare a VicenzaOro è riconnetterci con la comunità, ispirare e essere ispirati. Tutto il nostro team augura a ospiti e partecipanti di trascorrere delle belle giornate, trovare nuovi e fruttuosi contatti e godersi lo show».

https://www.vicenzaoro.com/it/vicenzaoro

Altre storie
Rotary Club Napoli Chiaja, una borsa di studio per gli studenti della “Bulla”