The Attallah cross

Con una stima di 80.000 – 120.000 £, andrà all’asta annuale “Royal and Noble”, insieme ad oggetti eccezionali e sontuosi cimeli di provenienza aristocratica, dal 6-18 gennaio.

La croce Attallah, pendente unico di stile fleurée realizzato dai gioiellieri di corte Garrard negli anni ’20, con ametiste a taglio quadrato e diamanti a taglio circolare, è un gioiello a cui Diana era particolarmente affezionata – nell’ottobre 1987 lo abbinò a un abito a tono di Catherine Walker, per un gala di beneficenza a sostegno di Birthright.

La Principessa Diana al Birthright charity event

Oggi è conosciuta come la croce di Attallah perché negli anni ’80 fu acquistata da Naim Attallah CBE, ex amministratore delegato del gruppo di Asprey & Garrard, e scrittore cristiano palestinese-britannico, nonché amico della Principessa (da lui aveva scelto il proprio anello di fidanzamento nel 1981, e negli anni avrebbe collaborato con Garrard e indossato pezzi della Maison in molte occasioni, anche dopo il divorzio). Proprio in virtù della loro amicizia, Diana poté sfoggiarla ancora più volte, durante eventi importanti e privati, confermando l’evoluzione del suo stile verso una moda sempre più audace e sempre più lontana dal romanticismo sommesso che fino ad allora l’aveva accompagnata.

La principessa Diana e mio padre erano amici e ricordo che veniva spesso a trovarlo nello storico negozio Garrard di Regent Street, dove si trovava il suo ufficio, e in diverse occasioni ha chiesto in prestito il ciondolo perché amava davvero questo gioiello”. Ha confidato Ramsay Attallah, attuale proprietario della croce.

The Attallah cross, con ametiste e diamanti

I gioielli posseduti o indossati dalla defunta principessa Diana arrivano molto raramente sul mercato, in particolare un pezzo come la croce di Attallah, che è così colorata, audace e distintiva. In una certa misura, questo insolito ciondolo è il simbolo della crescente sicurezza di sé della Principessa nelle sue scelte sartoriali e di gioielli, in quel particolare momento della sua vita.
Siamo fiduciosi che questo gioiello unico degli anni ’20 di Garrard, con una provenienza così eccezionale e indossato solo dalla Principessa in persona (la croce è stata indossata esclusivamente dalla Principessa e dopo la sua morte non è mai stata più vista in pubblico fino ad ora), attirerà l’attenzione di un’ampia varietà di offerenti, inclusi collezionisti di gioielli reali e nobili, così come i fan della Principessa desiderosi di condividere parte della sua storia”. Ha detto Kristian Spofforth, Head of Jewellery, Sotheby’s London.

sothebys.com
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.