Cartier e l’arte, un legame ininterrotto, ancora più intimo con il cinema, iniziato nel 1926 con il film Il figlio dello sceicco, di G. Fitzmaurice, grazie alla eccentrica richiesta del protagonista, Rodolfo Valentino, di indossare in scena il suo orologio Tank. Fu poi la volta nel 1946 di Jean Cocteau che si rivolse a Cartier perché Josette Day piangesse lacrime di diamanti ne La bella e la bestia.


Parigi, 1930, bracciale flessibile in platino, diamanti rotondi taglio antico e 8/8, quarantasette mezzi dischi in cristallo di rocca (provenienza: Gloria Swanson che lo indossò in almeno due film: Perfect Understanding (1932) e Viale del tramonto 1950 (Collezione Cartier, Marian Gérard, Collezione Cartier © Cartier)

Parigi, 1956, anello di fidanzamento di Grace Kelly in platino con diamante taglio smeraldo (10,48 ct) e due diamanti taglio baguette (provenienza: Principessa Grace di Monaco, Collezione del Palazzo dei Principi di Monaco. (Vincent Wulveryck, gentile concessione di Palais Princier de Monaco © Cartier)

Nel 1950, Gloria Swanson indossò invece due spettacolari bracciali di diamanti e cristallo di rocca nel film Viale del tramonto, di B. Wilder; Grace Kelly, nella sua ultima interpretazione in Alta società, sfoggiò l’anello che le aveva regalato il Principe Ranieri di Monaco; e ancora, l’iconico collier coccodrillo indossato dall’attrice messicana María Félix, nota per il suo stile audace e la sua personalità prorompente.


Parigi, Collana Coccodrilli realizzata su commissione per María Félix nel 1975 in
oro, 1023 diamanti fancy intense yellow taglio brillante, due smeraldi cabochon agli occhi, 1060 smeraldi, due rubini cabochon agli occhi
Interamente snodato, ogni coccodrillo può essere indossato come spilla, come collana invece le zampe possono essere sostituite da altre senza artigli per confort.
(Vincent Wulveryck, Collezione Cartier © Cartier)

Un rapporto con il grande schermo che nel 2021  ha visto iniziare la collaborazione ufficiale della Maison con la Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia e che quest’anno porterà alcune di queste sue straordinarie creazioni – parte della Collection Cartier nata nel 1983 e comprendente circa 3500 pezzi realizzati tra gli anni ‘60 del 1800 e gli anni 2000, in esposizione a Venezia dal 30 agosto all’11 settembre, in occasione della Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia – Biennale Cinema 2022, allestita da Sylvain Roca e curata dal critico di cinema Jean-Pierre Lavoignat.

www.cartier.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.