fbpx

Imelde Corelli Grappadelli, in ogni gioiello un pizzico di cuore e tanta passione

Nell’81 ha fondato l’I.C.G per dare spazio ad un’intramontabile classicità

Imelde Corelli Grappadelli

“Mia nonna mi parlava di rubini, di zaffiri, di smeraldi a cui era molto affezionata perché erano i gioielli che aveva ricevuto in dono da suo marito. Alle mie orecchie quei racconti mi risuonavano magici come favole e, forse, è stato proprio allora che si è affacciata in me l’ambizione di creare gioielli.”
La storia di Imelde Corelli Grappadelli incomincia così e prosegue con l’inaugurazione, l’8 gennaio 1981, di un proprio laboratorio, l’I.C.G.
In mezzo ci sono incontri fortuiti e propizi con maestri artigiani, ed un bracciale/forchetta creato per gioco e che invece ha messo del suo perché questa passione avesse una continuazione.

La designer si è lasciata incantare dalla tradizione, che emerge prepotente nei propri lavori. Il passato la fa da padrone ma con una delicatezza che lo sgrava di ogni possibile datazione. Lavora intorno al grande quadro della natura che fa capolino tra fiori e foglie per un’eleganza retrò che sa respirare un’aria di innovazione. I.C.G è ciò che dimostra di essere, un classico prezioso che nasce dal cuore con particolare efficacia.

www.imeldecorelli.com

Altre storie
Na.Dì scolpisce in oro le sue ultime ideazioni