fbpx

Il Museo del Bijou di Casalmaggiore riapre i battenti con una mostra che promette di dare spettacolo

“Dolce color d’oriental zaffiro. Le gemme in Dante e nei bijoux americani” s’inaugura il 27 novembre e proseguirà fino al 9 gennaio 2022

La pandemia dà segni di non voler mollare, ma la Bellezza delle cose destinate a sorprendere e a durare può essere un ineffabile antidoto per contrastarla. E così a Casalmaggiore, in provincia di Cremona, si riallestiscono e si riaprono le sale del Museo del Bijou per una mostra intrigante, che promette di dare spettacolo. “Dolce color d’oriental zaffiro. Le gemme in Dante e nei bijoux americani”, questo il titolo della manifestazione che proseguirà fino al 9 gennaio 2022, sarà preceduta dagli interventi delle due curatrici che l’hanno pensata e voluta. La prima, Fiorella Operto, terrà una conferenza sul tema “Le gemme di Hollywood“, presso la Biblioteca Civica Mortara (via Marconi 8), sabato 27 novembre alle ore 17.00, mentre la seconda curatrice, Maria Teresa Cannizzaro, sarà presente in Sala Zaffanella sabato e domenica per expertise, consigli su acquisti e vendite di bijoux d’epoca e per accompagnare gli ospiti nella visita.

Medaglia “Dante”, metallo placcato oro, 1920 ca. – ph. Mamadou Diagne

Sulla copertina del catalogo della mostra svetta una spilla con l’effige di Dante. Tanti, infatti, sono i tratti in comune tra il sommo poeta ed la schiera di creativi italiani che ad inizio ‘900 tentò la fortuna in America. Innanzi tutto la comune condizione di esiliati: così come Augusto Trifari, Gene Verri, Pennino, i fratelli Panetta, Pellegrino Gaeta ed altri ancora, i cui marchi sono tuttora sinonimo del saper fare italiano in bijoutteria ed oreficeria, anche Dante provò la prostrazione dello stare lontano dalla sua amata terra. Allo stesso modo, poi, si espressero con semplicità ed immediatezza per parlare anche alle classi più umili, il poeta scrivendo in volgare, gli altri adoperando materiali poveri ed accessibili per dare vita alle loro creazioni.

Spilla bandiera italiana in lega rodiata e resina policroma. Punzone – Pell 1960 ca., spilla bandierina americana lega oro 14 kt, resina policroma e Swarovski bianchi. Punzone – Pell 1960 ca. ph Carlotta Broglio

Ampio spazio sarà riservato anche agli ospiti giovanissimi che saranno attesi in Biblioteca ed al Museo del Bijou con l’iniziativa Bibliobijou, illustrata insieme alla mostra “Dolce color d’oriental zaffiro. Le gemme in Dante e nei bijoux americani” su tutti i canali social.

L’accesso al museo e alla mostra si svolge nel rispetto delle norme vigenti e dei protocolli di sicurezza anti Covid-19

 www.museodelbijou.it

Altre storie
Editorial: Noir d’ébène