fbpx


Francesca Mo: piccole storie tra labirinti e specchi

Dai valori dell’architettura ai giochi dei bambini, attraverso la ricerca e la passione della designer milanese

Francesca Mo

La sua è una gioielleria d’autore che fa del movimento, del gioco, dell’interazione con chi la indossa il suo punto cardine. La materia non sempre è tra quelle blasonate ma il valore è nel vissuto di cui si fa narratrice, come i vetrini, le piastrelle, la sabbia modellati dal mare, raccolti insieme a piccolissime conchiglie sulla battigia, oppure parti di orologi non più consone a scandire il tempo ma che del tempo passato sono preziosi testimoni.

A muovere la creatività dell’architetto e designer milanese è l’immaginifico infantile che diventa forma da indossare, a volte dai tratti geometrici come minuscole teche dove le storie, per non perdersi, si interrompono per riprendere tra altre emozioni. Incastri; labirinti; specchi dove, tra pensieri che si perdono e si rincorrono, si riflette il proprio io. E affermazioni e negazioni come elementi che avvicendandosi, liberamente o per caso, danno vita a nuove chance.

I suoi pezzi unici, incontri di modernità e di antiche tradizioni orafe, hanno partecipato a numerose mostre in Italia e all’estero.

francescamogioielli.it

Altre storie
Banda degli incassi, gruppo di commercianti paga guardia giurata