fbpx


Francesca Gabrielli, la materia come mezzo di libertà espressiva

Ogni collezione di Francesca Gabrielli nasce dalla voglia di raccontare e di vivere una nuova storia

Francesca Gabrielli

Il diploma in oreficeria presso la Scuola Orafa Romana, la specializzazione alla scuola dell’Arte della Medaglia dell’Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato, e la progettazione 3d sono parte di un background culturale che arricchisce operando nella ricerca di materiali alternativi, nei trattamenti di superficie e nell’uso del colore. Nei suoi lavori, mere pratiche performative guidate dallo stato d’animo del momento, coniuga l’antica tradizione all’impiego di tecnologie all’avanguardia.

Ogni collezione di Francesca Gabrielli nasce dalla voglia di raccontare e di vivere una nuova storia: “1001 night”, serie in titanio ispirata ai colori dell’oriente che prende spunto da Le mille e una notte facendo di ogni pezzo una narrazione; “Scaffolding”, l’esaltazione estetica dell’impalcatura creata di default dai software di progettazione 3d in fase di stampa; le “Digital black grapes” (from Scaffolding series) selezionata da “Gioielli in fermento 2020”, esplorazione del pregiudizio e del senso di perdita di un sapere e di una creatività manuale determinati dall’uso del 3d nel sistema orafo.

Quella di Francesca Gabrielli è una personale astrazione che fa ritorno alla realtà mettendo in concerto volumi, tonalità cromatiche e forme che riflettono una libertà espressiva dagli aspetti inediti.

francescagabrielli.wixsite.com

Altre storie
Emma Francesconi: le morbide armature