fbpx

Da Sotheby’s 101 carati aggiudicati in criptovaluta

Moneta virtuale vs denaro tradizionale per l’acquisto di un raro diamante

Un diamante è per sempre ma intorno alla sua marmorea secolarità sta mutando il mondo intero, perfino i sistemi di pagamento, come quello che è stato utilizzato per aggiudicarsi l’ultima rarità messa all’asta da Sotheby’s lo scorso 9 Luglio: un diamante di colore D Flawless con taglio a pera da 101,38 carati, un oggetto molto ‘materico’ battuto dal vivo a lotto unico, presso la sede di Hong Kong, per 95,1 milioni di HK$ (12,3 milioni di dollari) di criptovaluta e non di denaro contante. La splendida gemma è stata aggiudicata a un prezzo inferiore a quello di stima, 15 milioni di dollari.

Non è la prima e di certo non sarà l’ultima volta in cui si accettano criptovalute, è un passaggio inevitabile, segno dei tempi attuali. 

Siamo entusiasti di assistere a un momento storico: uno dei tesori più antichi e rari della terra è stato acquistato utilizzando la più recente valuta universale dell’umanità. Introducendo questa innovativa opzione di pagamento nella nostra vendita di lusso, apriamo nuove possibilità ed espandiamo la nostra portata a una clientela completamente nuova, composta da appartenenti alla generazione di esperti digitali”. Ha dichiarato Wenhao Yu, vicepresidente della divisione gioielli di Sotheby’s in Asia

Altre storie
Marlù, il trend nei gioielli