fbpx

Camera di Commercio di Napoli, insigniti del titolo di Maestro Artigiano, gli artefici della provincia

Fabrizio Luongo: “La pandemia ha lasciato un duro segno, ma la tenacia delle nostre imprese ha in gran parte retto, e il comparto chiude in attivo con più 1.500 Imprese”.

Nel prestigioso palazzo della Borsa, sede della Camera di Commercio di Napoli si è svolta domenica 24 aprile la cerimonia tutta dedicata ai Valori testimoniati dagli Artigiani. Fortemente voluto da Casartigiani Napoli, una delle storiche e più rappresentative organizzazioni di categoria, l’evento nato per promuovere la valorizzazione e la diffusione del ruolo dell’Artigiano si è fregiato del patrocinio del Consiglio Regionale della Campania e dell’ausilio finanziario della Camera di Commercio di Napoli, registrando un notevole successo dell’iniziativa preludio alla Bottega Scuola per centinaia di imprese partenopee.

Durante l’evento, alla presenza del Presidente della Camera di Commercio di Napoli, Ciro Fiola e del vicepresidente di Casartigiani Maurizio Frantellizzi gli Artigiani insigniti del titolo hanno ricevuto in dono l’attestato di riconoscimento ed un timbro personalizzato con il titolo di Maestro Artigiano.

Abbiamo incontrato Fabrizio Luongo, vicepresidente vicario della Camera di Commercio, con delega all’Artigianato, che da anni segue con passione il comparto artigiano e che ha consegnato ad ogni imprenditore il proprio riconoscimento.

“Si va verso una qualificazione e professionalizzazione del comparto non più scelto come ripiego agli studi o ad altre professioni ma come scelta di vita dettata da passione e creatività”

Presidente Luongo, lei possiede la delega all’Artigianato e per tale ruolo ha presieduto la consegna degli attestati di riconosciemento di Maestro Artigiano, aprendo la Camera di Commercio eccezionalmete di domenica
“Era doveroso nel rispetto degli Artigiani favorirli nello svolgimento della cerimonia di consegna degli attestati in un giorno festivo, per questo abbiamo accolto positivamente l’idea di Casartigiani di aprire eccezionalmente lo storico Palazzo di domenica.”

Lei è stato tra i promotori e costruttori della Legge Regionale che istituisce il Maestro Artigiano, un’opportunità dopo 10 anni ancora poco conoscita
“Le funzioni sono state in capo alla Regione fino a pochi anni fa e da questa demandate di recente alle CCIAA; con rammarico Napoli ha contato in 10 anni 123 Maestri Artigiani su 28mila imprese, ma con l’iniziativa messa in campo da Casartigiani abbiamo in tre mesi raddoppiato il numero insignendo imprese di grande qualità e storia. Inoltre l’idea di realizzare il portale www.maestroartigianonapoli.it per raccontare i nostri Maestri contribuisce a realizzare quel prezioso match tra scuola pubblica e imprese per far conoscere ed aprezzare professioni preziose non legate solo all’artistico e tradizionale ma anche ai servizi, al trasporto e alla produzione alimentare”.

Qual è lo stato di salute del comparto a Napoli ?
“La pandemia ha lasciato un duro segno, ma la tenacia delle nostre imprese ha in gran parte retto, e il comparto chiude in attivo tra cessazoni e iscrizioni con più 1.500 imprese. Si va verso una qualificazione e professionalizzazione del comparto non più scelto come ripiego agli studi o ad altre professioni ma come scelta di vita dettata da passione e creatività. La globalizzazione sarà sempre più forte ma l’unicità di prodotti e servizi che uniscono l’innovazione e la tradizione creano sono un connubio vincente”. La nuova Governance, guidata dal presidente Fiola, ha restituito alle piccole imprese la giusta attenzione e una conoscenza vera delle problematiche. Molto è stato fatto, ma abbiamo ancora tanto da realizzare”.

Come di diventa maestro artigiano?
“La domanda si presenta attraverso la piattaforma Agef Infocamere al Registro delle Imprese, basta avere 10 anni di attività nel comparto Artigiano e allegare un curriculum professionale in formato europeo. Il riconoscimento apparirà all’interno del certificato camerale dopo esito positivo dell’istruttoria da parte degli Uffici preposti.

Tra le categorie che hanno ricevuto l’onorificenza di Maestro Artigiano anche quella orafa è stata presente con Raffaele Carrano, Luisa Izzo, Maurizio Cafasso, Sara Lubrano, Mario Mele.

maestroartigianonapoli.it

Altre storie
Manetti (Orafi Confcommercio): "A Firenze troppi venditori abusivi, occorre maggiore impegno"