fbpx

VicenzaOro Cameo Italiano, prosegue l’espansione internazionale puntando alla Cina

Per il 2022, nella terra del dragone l’apertura di 5 store monobrand e di un canale e-commerce dedicato

Continua l’ascesa del brand campano di gioielli artigianali, specializzato nella creazione di camei, superando la quota di 2,5 milioni di euro nel 2021. La risposta dei mercati esteri con oltre il 75% del market share complessivo lo fa proseguire nello sviluppo internazionale, puntando prevalentemente sulla Cina dove nel 2022 prevede l’apertura di 5 monomarca all’interno di centri commerciali di lusso nelle sue principali metropoli, ed un canale di vendita online dedicato al mercato cinese.

Nel market share complessivo, dietro l’Italia (con una quota di mercato di poco inferiore al 25%) si conferma il Giappone con il 21%, dove Cameo Italiano può contare su una presenza trentennale con diversi canali di vendita tra cui 60 negozi all’interno di centri commerciali e 200 retailer indipendenti in tutta la nazione. E se il mercato degli Stati Uniti tiene supportato dalla vendita nei luxury mall e dalla presenza dei gioielli Cameo Italiano – il cui catalogo conta oltre 400 creazioni artigianali suddivise in 32 collezioni con numerose edizioni limitate e creazioni tailor made ad opera di oltre 40 artigiani – nei principali canali televisivi di shopping, come mercato emergente la Sud Corea si fa largo con prospettive di crescita interessanti. 

Segnali positivi anche dall’e-commerce cameoitaliano.it che nel giro di un anno ha visto l’80% delle vendite provenienti dall’Italia, ma per esso l’azienda è al lavoro con un importante piano di investimento con un focus specifico su 4 paesi stranieri oltre all’Italia: Usa, Germania, Austria e Svizzera. Il percorso di internazionalizzazione proseguirà nel 2022 con la partecipazione alle principali manifestazioni fieristiche del settore internazionali, a partire da Vicenzaoro, dove sarà al padiglione 1 stand 100

«Se consideriamo che solamente 6 anni fa il 90% del fatturato proveniva dal mercato italiano possiamo renderci conto del percorso che abbiamo fatto. Oggi siamo un’azienda internazionale e il nostro brand è cresciuto in tutto il mondo».

Gino Di Luca

Prevediamo una forte crescita nel secondo semestre del 2022 soprattutto in Cina dove siamo solo all’antipasto. Se consideriamo che solamente 6 anni fa il 90% del fatturato proveniva dal mercato italiano possiamo renderci conto del percorso che abbiamo fatto. Oggi siamo un’azienda internazionale e il nostro brand è cresciuto in tutto il mondo: i mercati esteri hanno compreso la filosofia, l’artigianalità dei nostri maestri incisori e lo stile dei nostri gioielli Made in Italy”. Ha dichiarato Gino Di Luca, fondatore di Cameo Italiano. E,visti i risultati ottenuti, proseguirà negli investimenti in due precise direzioni, come ha spiegato: “Da una parte vogliamo consolidare i mercati di successo e puntare su quelli emergenti ampliando i canali di vendita con accordi con distributori locali e negozi per la vendita diretta; dall’altra investiremo sulle risorse umane dove è previsto un piano triennale di assunzioni per sostenere la crescita”. 

Altre storie
Gioielli Odyssée de Cartier, Parcours d’un style: un viaggio intorno al mondo