fbpx

Bulgari “Geometries of Perfection – Beyond Octagon”

Allo spazio museale DomvsAvrea meraviglie di tecnica, di eleganza e di straordinaria policromia

Necklace in oro con ametiste, citrini, tormaline rosa, smeraldi e diamanti. 1991

La geometria è per le arti plastiche quello che è la grammatica per l’arte dello scrittore. Lo sosteneva Guillaume Apollinaire, lo dimostra Bulgari con i suoi preziosi ottagoni, cerchi, quadrati, triangoli ed ellissi esposti nello spazio museale DomvsAvrea sotto il titolo di “GEOMETRIES OF PERFECTION – Beyond Octagon”. L’evento è stato realizzato in concomitanza con i festeggiamenti per il decimo anniversario del segnatempo Octo, dal design visionario ispirato alla cupola del Pantheon e ad altri monumenti romani sovvertendo i canoni tradizionali dell’orologeria – cassa e meccanismo sono stati assottigliati sempre di più da battere ben otto record mondiali e conquistare il prestigioso “Aiguille d’Or” al Grand Prix d’Horlogerie di Ginevra.

SERPENTI TUBOGAS, orologio in oro con lapislazzuli e zaffiri. Ca 1971

L’ispirazione di Bulgari legata all’ottagono è già nei quadranti degli orologi Serpenti degli anni’50 e nei sontuosi pendenti dei sautoir anni ’70.

Sautoir in platino convertibile in brooch appartenuto ad Elizabeth Taylor. Platino, zaffiri e diamanti. Ca 1970

Tra queste creazioni vi è la collana donata da Richard Burton ad Elizabeth Taylor per il quarantesimo compleanno della diva, un eccentrico gioiello con straordinario zaffiro da 65 carati taglio “sugar loaf”, di forma triangolare smussata; ma anche il pendente del preziosissimo sautoir con rubini e smeraldo cabochon da oltre 44 carati; e la collana con zaffiri, rubini cabochon e diamanti taglio brillante. Oltre alle creazioni con monete antiche su castone ottagonale.

Sautoir in oro con smeraldi, rubini e diamanti. 1969
Brooch in oro e platino con turchesi, zaffiri e diamanti. Ca 1970

Dall’ottagono alla regolarità del quadrato il passo è breve e si giunge alle divertenti spille “Carré” dalle infinite combinazioni di colore, come pure all’eleganza contemporanea e minimalista degli orologi “Quadrato” in oro. Una magnificenza, quella del Pantheon, che si rinnova nella collezione LVCEA, con diamanti montati su castoni quadrati e circolari con un’alternanza che ricorda il motivo decorativo della pavimentazione.

Questione di talento. Ed ecco che il colore diventa protagonista nella collana dalla sagoma pentagonale ispirata a Castel Sant’Angelo con smeraldi, ametiste, citrini, tormaline e zaffiri fermati in una griglia d’oro.

Altre storie
‘Stile Milano – Storie di eleganza’, una mostra immersiva nella moda e nel costume