fbpx

AOL Sangalli a Conte: “O si riaprono i negozi o tutto il settore va inserito nel Decreto Ristori”

Il presidente dell’Associazione Orafa Lombarda sollecita il Premier a rivedere il provvedimento che penalizza in maniera massiva l’intero comparto orafo

Andrea Sangalli

«Se non lavorano le gioiellerie, non produce nemmeno la filiera. Quindi o si riaprono i negozi o tutto il settore va inserito del decreto Ristori». È un discorso di sistema quello che Andrea Sangalli, presidente dell’Associazione orafa lombarda, ha esplicitato nella missiva inviata al premier Giuseppe Conte, al ministro della Salute Roberto Speranza e al presidente della Lombardia Attilio Fontana.

Un ragionamento che parte dal confronto con associati, ma soprattutto fornitori, che al momento vedono la loro merca invenduta, a causa della chiusura del dettaglio all’interno delle zone rosse, ma non beneficiano dei “ristori”.


«Se i nostri negozi nelle zone rosse sono blindati
 – spiega – non è invece stata chiusa la filiera di cui siamo la testa. I fornitori sono autorizzati a tenere aperto, ma di fatto se noi non vendiamo, i loro prodotti restano in magazzino. Sembra quasi uno stratagemma per non inserirli nei ristori, per quanto elemosine, che vengono invece destinati a noi».

La richiesta, invece, è molto chiara. «Le gioiellerie non generano assembramenti – continua – anzi, magari lo facessero. È quindi assurdo che non ne venga consentita la riapertura, come succede per altre attività non essenziali come fioristi o profumerie. Altrimenti è necessario che sia aiutata anche la filiera, o si rischia che le aziende chiudano».

Il presidente di Aol, però, ha anche un’altra questione che gli sta molto a cuore: che questa situazione non spinga le persone ad acquistare i regali di Natale dai colossi online, cedendo alle lusinghe del tam tam pubblicitario in corso. E così ha lanciato una campagna social per chiedere ai cittadini di non abbandonare i negozi, soprattutto in un anno così difficile. «Quest’anno i miei acquisti li faccio nei negozi sotto casa… perché la mia città ha bisogno delle loro luci!» è lo slogan.

«Vogliamo dire agli italiani di ricordarsi dell’essenza delle loro città, che sarebbero più tristi se i negozi chiudessero. E se vogliono comprare online di farlo sui loro siti, non sui grandi portali che stanno martellando di pubblicità. Abbiamo avuto 33mila visualizzazioni in pochi giorni, segno che la questione è sentita».

La speranza, comunque, è di riprendere l’attività almeno prima di Natale. «Mi auguro che per quel periodo ci riaprano o ci passino zona arancione, perché per le nostre attività è un momento determinante e Natale è una data alla quale le persone non derogano. I regali non li rimandano a gennaio, piuttosto li comprano in rete. Se non ci riaprissero, credo che in molti il prossimo anno non rialzerebbero le serrande».  

le lettera indirizzata al premier


There is no ads to display, Please add some

Preziosa Magazine è la rivista per il mercato della gioielleria e dell’alta orologeria, un autorevole punto di riferimento per gli operatori del settore.

Acquista nel marketplace di Preziosa Magazine

Altre storie
GPHG, l’Aiguille d’oro al Mikrogirder di TAG Heuer