fbpx


Veneto, i talenti internazionali protagonisti a 'Origin, Passion and Beliefs'

Nuovo format lanciato da Fiera di Vicenza in collaborazione con Not Just A Label: all’evento-teaser appena concluso  designer da tutto il mondo

E’ stato lanciato con un evento teaser il nuovo format di Fiera di Vicenza, “ORIGIN, Passion & Beliefs”, Salone B2B legato al mondo dell’accessorio moda che andrà di scena per la prima volta nella primavera 2014. Anteprima esclusiva lo scorso weekend alle porte di Venezia, nella sede di H-Farm, incubatore che aiuta le giovani start up e opera a livello internazionale in ambito delle tecnologie.

Ideatori del progetto Fiera di Vicenza e NOT JUST A LABEL (NJAL), la più importante piattaforma mondiale dedicata alla moda contemporanea, degli accessori e del gioiello. Il lancio si è svolto al cospetto di una platea internazionale: presenti quindici designer indipendenti provenienti da tutto il mondo, cinque piattaforme internazionali che gravitano nel mondo dell’accessorio, dalla formazione alla promozione, ed una selezione di aziende che hanno fatto la storia della produzione e della manifattura italiana.

Di scena anche la premiazione del “Best Project” realizzato durante l’Hackaton: coinvolti 25 developers, ai quali Fiera di Vicenza ha lanciato la sfida di realizzare alcune applicazioni tecnologiche dedicate all’accessorio moda, e tra i quali la giuria composta da Corrado Facco, Direttore Generale di Fiera di Vicenza, Riccardo Donadon e Maurizio Rossi, fondatori di H-Farm, e Stefan Siegel, fondatore di NJAL, ha selezionato il vincitore. A ricevere il primo premio è stata l’applicazione WYWR di Alessandro D’Annibale, Fabio Dal Colle e Davide Scomparin di Desall Studios, Enrico Dall’Acqua (di soli quindici anni) Lorenzo Demaio, Nicola Brisotto, e Matteo Centenaro, per lo sviluppo di etichette ‘intelligenti’ per capi di abbigliamento e accessori.

La prima edizione dell’evento ideato da Fiera di Vicenza e Not Just A Label si svolgerà nella primavera 2014: ospiti 100 designer da ogni parte del mondo, i più innovativi tra quelli presenti sulla piattaforma di moda. L’opportunità ‘è anche per le grandi imprese, i grandi produttori di accessori e i buyer internazionali provenienti dai più importanti concept store, product manager e opinion leader.

Un Salone nell’ambito del quale diventano protagoniste anche le organizzazioni operanti nel comparto del design, le piattaforme di supporto, scuole e incubatori della moda; in previsione anche una giornata di apertura al pubblico. Il format prevede la suddivisione in quattro segmenti principali: Leather, Stone, Textile, Technology, mood che hanno caratterizzato anche l’anteprima andata in scena a Venezia.

[caption id="attachment_57721" align="aligncenter" width="630" caption="Origin Textiles Mood"][/caption]

 

[caption id="attachment_57720" align="aligncenter" width="630" caption="Origin Technology Mood"][/caption]

 

[caption id="attachment_57719" align="aligncenter" width="630" caption="Origin Stone Mood"][/caption]

 

[caption id="attachment_57715" align="aligncenter" width="630" caption="Origin Leather Mood"][/caption]

Durante l’evento teaser gli ospiti internazionali hanno partecipato alle visite in alcune aziende italiane rappresentative del migliore Made in Italy, Stephen Venezia, Bonotto “La Fabbrica Lenta” e Forall Confezioni Spa, confrontandosi con i vari momenti di una filiera produttiva di grande complessità. Hanno assistito anche alle sfilate organizzate dallo IUAV di Treviso in occasione di Modesign, un progetto creato con l’obiettivo di far incontrare l’impresa creativa con le scuole del NordEst. A chiudere la tre giorni in Italia degli ospiti di Origin, la visita alla Biennale di Arte e Architettura di Venezia.

Ecco i designer – impegnati in produzioni che spaziano dal gioiello alle borse, dagli abiti alle calzature – che hanno partecipato all’anteprima: Una Burke, Niels Peeraer, Williams handmade, Arnoldoebattois, Howitzweissbach, Ayaka Nishi, Bijules, Lara Khoury, Art/c, Study New York, Ana Rajcevic, Fannie Schiavoni, Vega Zaishi Wang e Imogen Belfield.

[caption id="attachment_57718" align="aligncenter" width="630" caption="Niels Peeraer"][/caption]

 

[caption id="attachment_57716" align="aligncenter" width="630" caption="Niels Peeraer"][/caption] [caption id="attachment_57717" align="aligncenter" width="630" caption="Niels Peeraer"][/caption]

 

[caption id="attachment_57714" align="aligncenter" width="630" caption="Imogen Belfield"][/caption]

 

[caption id="attachment_57713" align="aligncenter" width="630" caption="Imogen Belfield"][/caption]

 

[caption id="attachment_57711" align="aligncenter" width="630" caption="Imogen Belfield"][/caption]

 

[caption id="attachment_57707" align="aligncenter" width="630" caption="Bijules"][/caption]

 

[caption id="attachment_57708" align="aligncenter" width="630" caption="Bijules"][/caption]

 

[caption id="attachment_57709" align="aligncenter" width="630" caption="Bijules"][/caption]

 

[caption id="attachment_57704" align="aligncenter" width="630" caption="Ayaka Nishi"][/caption]

 

[caption id="attachment_57705" align="aligncenter" width="630" caption="Ayaka Nishi"][/caption]

 

[caption id="attachment_57706" align="aligncenter" width="630" caption="Ayaka Nishi"][/caption]

 

[caption id="attachment_57703" align="aligncenter" width="630" caption="Ana Rajevic"][/caption]

 

[caption id="attachment_57702" align="aligncenter" width="630" caption="Ana Rajevic"][/caption] ]]>

Altre storie
Gemmarium: Homo, per l’uomo di oggi