fbpx


Una boutique a Parigi per i gioielli e gli orologi in micromosaico di Sicis Jewels

Risplendono al 41 di rue  François 1er, a Parigi, i gioielli-mosaico di Sicis Jewels e O’Clock. Prima vetrina del laboratorio artigianale di oggetti preziosi, lo store inaugurato poche settimane fa è un vero e proprio scrigno di 500 metri quadrati per accogliere le collezioni di gioielli e segnatempo realizzati con le tecniche del micromosaico e del nanomosaico (ma anche i complementi d’arredo e le decorazioni che hanno reso famoso il marchio, fondato a Ravenna nel 1987). Disposta su due piani, la boutique accoglie i visitatori in un’atmosfera di lusso e serenità fuori dal tempo, la più alta espressione dei valori di Sicis. I pavimenti Cosmati sono in marmo bianco e oro, le pareti color antracite sono costellate di pannelli in mosaico in oro fino e le porte sono caratterizzate da motivi geometrici e orientali. Per gli arredi sono stati scelti tavoli in lacca nera e sedie e poltrone provenienti dalla collezione della divisione dedicata al design d’artista, Sicis Next Art. Vetrine a geometria variabile mettono in bella mostra le collezioni di Sicis Jewels; all’interno, i 45 metri quadri del piano terra dedicati ai gioielli e agli orologi sono sovrastati da un imponente ritratto di Maria-Luisa d’Austria, la seconda moglie di Napoleone I, interamente realizzato in mosaico. Lo spazio si chiude con un angolo relax a disposizione della clientela. Sullo stesso piano, come fosse una galleria d’arte, la Sicis rende omaggio nel salone Klimt a diverse opere del celebre pittore viennese noto per i suoi quadri allegorici e la sua favolosa tavolozza di colori. Nel seminterrato, lo spirito di Sicis è esaltato dai pannelli decorati con motivi orientali. “Il mosaico è un linguaggio trasversale che come una tela si presta a diversi generi decorativi. Nel 18esimo Secolo era visto come una tecnica universale. Oltre ad un elemento decorativo, ho voluto farne un vero e proprio ornamento”, riassume così la filosofia del marchio Maurizio Leo Placuzzi, fondatore di Sicis. Oltre 330 orologi e gioielli per la prima collezione Sicis Jewels e Sicis O’Clock (per le quali Placuzzi si è rivolto all’interior designer americano Roger Thomas, che ha messo la propria firma a 43 creazioni), tutti prodotti in edizione limitata dalle mani esperte dei maestri orafi di Sicis a Ravenna. Tre anni di ricerca e miliardi di gesti artigianali, che grazie a tecniche testate ha reinterpretato l’arte del mosaico a partire da nove diverse madri di colori di smalti. Questi oggetti esclusivi sono stati presentati in anteprima a Baselworld nel mese di marzo 2012 e à Couture a Las Vegas a giugno. Protagonista è la natura con farfalle, motivi floreali e animalier che caratterizzano la collezione composta da anelli, collane, ciondoli, bracciali, orecchini, spille, gemelli e cronografi. Per la gioia degli occhi, i gioielli e gli orologi Sicis fondono il mosaico a oro e diamanti realizzando delle parure veramente uniche.  “Sono sempre stato affascinato da quest’arte nobile – ha dichiarato Roger Thomas – che ha visto l’apice nel 18esimo Secolo. Quello che mi piace più di ogni altra cosa è la sua tridimensionalità che rende l’opera unica”. Quanto ai segnatempo, l’arte del mosaico porta il concetto del tempo su uno spazio temporale più ampio e diverso da quello racchiuso e scandito in un orologio. I maestri mosaicisti di Sicis Jewels e Sicis O’Clock a Ravenna filano minuscole bacchette di oro e di smalto veneziano che si ottengono dalla fusione di 9 madri di colore diverse in infinite combinazioni di colori e sfumature. La loro arte e maestria continua nell’incastonatura delle micro tessere fatta interamente a mano nel quadrante degli orologi, seguendo a occhio nudo i disegni dei designer di Sicis O’Clock . Ogni pezzo numerato appartiene ad una serie limitata di figure, una diversa dall’altra. [gallery link="file" order="DESC" columns="4" orderby="title"]]]>

Altre storie
Conferenza a Roma del Nobil Collegio degli Orefici