fbpx


Un gusto anni '70 per La D de Dior di Victoire de Castellane

La D de Dior c’è l’audacia creativa che ha caratterizzato e reso famoso nel mondo il marchio. Qui la voglia di osare è ancora maggiore, la Maison realizza un orologio al femminile però con linee essenziali e decise, maschili, per un messaggio chiaro: la donna si appropria dell’orologio di un uomo per pensar a lui. [URIS id=137781] La D de Dior, di un gusto d’antan  anni ’70, è ispirata da Victoire de Castellane, direttrice creativa del reparto di alta gioielleria della Maison dal 1998, ideatrice di gioielli giocosi e fantastici, caratterizzati spesso dai forti contrasti tonali. Di quelli che si ritrovano nell’universo dei gioielli Dior, per intenderci, segno della passione di Christian Dior per i colori. Due le versioni principali della Linea, differenziate soprattutto per dimensioni: La D de Dior Satine, cassa di 25 mm, in acciaio con diamanti e quadrante in madreperla, cinturino in maglia milanese d’acciaio; La Mini D de Dior Satine, con cassa di 19 mm, in oro giallo o rosa con diamanti, corredato da cinturino in maglia milanese in oro. Infine, La Mini D de Dior Satine, ancora con cassa di 19 mm ma in acciaio con diamanti, quadrante in madreperla. L’infallibilità del battito è garantita dal quarzo Elite della manifattura Zenith. www.dior.com]]>

Altre storie
Portofino di IWC, 10 nuovi modelli per i polsi più piccoli