fbpx

Tous: le perle incontrano oro, argento e pietre preziose

Classiche e senza tempo, si declinano tra collier, anelli e bangle in versioni più o meno preziose, accompagnate dall’immancabile orsetto del brand

Tous Icon Mesh, anello in argento sterling rosa vermeil con acciaio rosa Ip e perle coltivate di acqua dolce
Tous Icon Mesh, anello in argento sterling rosa vermeil con acciaio rosa Ip e perle coltivate di acqua dolce

Intramontabili, oggi pronte a vestirsi in modo nuovo e accattivante: sono le perle, che il brand Tous sceglie ancora una volta per proporre gioielli nuovi che in Icon Pearl alternano, a seconda delle linee, l’argento sterling o l’oro 18 carati, abbinato a pietre preziose come zaffiri, rubini, tsavoriti e ametiste per un tripudio di colori.

Moderna e minimalista la rivoluzionaria linea Mesh, dove l’argento assume sfumature mixate al rosa e al nero: anelli e bangle dalle forme spartane  che lasciano l’immaginazione alla perla coltivata di acqua dolce. Collezione best seller dell’azienda spagnola, mette insieme materiali e colori per stupire.

Orecchini Icon Lìo, oro giallo, perle coltivate di acqua dolce, rubini, zaffiri blu, zaffiri rosa, zaffiri gialli, tsavorite e ametista
Orecchini Icon Lìo, oro giallo, perle coltivate di acqua dolce, rubini, zaffiri blu, zaffiri rosa, zaffiri gialli, tsavorite e ametista

Preziosa e ambiziosa la linea Lìo, dove la perla è sempre protagonista ma stavolta si accompagna all’oro giallo in orecchini e anello con pietre preziose. A rendere l’idea dell’arcobaleno vengono in aiuto rubini, zaffiri blu, zaffiri rosa, zaffiri gialli, tsavorite e ametiste.  Linee geometriche tempestate di gemme preziose che portano una ventata di colore e freschezza ai toni più sfumati dell’autunno-inverno.

www.tous.com

[URIS id=145628]


There is no ads to display, Please add some

Preziosa Magazine è la rivista per il mercato della gioielleria e dell’alta orologeria, un autorevole punto di riferimento per gli operatori del settore.

Acquista nel marketplace di Preziosa Magazine

Altre storie
L’atelier di Daniela De Marchi come una WUNDERKAMMER ma del 2050