fbpx


Rosato, una partnership con l’americana Richline International

Gennaio è sempre un mese di grandi cambiamenti per l’aretina Rosato Srl, che ha appena siglato un accordo preliminare per l’acquisizione da parte del gruppo Richline; attesa per fine febbraio la firma definitiva. Un anno fa, sempre a gennaio, l’azienda toscana, leader nel settore della gioielleria, aveva acquisito il brand vicentino Calgaro attraverso l’unificazione della divisione commerciale, dell’amministrazione e del comparto logistico e mantenendo separati filosofie e mood. Oggi, invece, l’accordo con Richline International Srl, filiale della holding Berkshire Hathaway Inc., il più importante produttore e distributore di gioielleria degli Stati Uniti. “Rosato rappresenta uno step fondamentale nel nuovo progetto di espansione volto a creare una piattaforma europea – ha dichiarato Dennis Ulrich, direttore generale del Gruppo Richline -. Siamo felici di poter collaborare con un team così qualificato, entusiasta ed affiatato che continuerà ad essere guidato da Simona Rosato per quanto riguarda la creatività e lo stile”. “Questa è per noi una grandissima opportunità di crescita ed espansione – gli ha fatto eco Simona Rosato -. Sono sicura che saremo in grado di far apprezzare ed amare il design e la perfezione dei nostri gioielli Made in Italy”. Soddisfazione per la partnership è stata espressa anche da Dave Meleski, presidente di Richline: “Simona Rosato e il suo gruppo di lavoro rappresentano un esempio di modernità ed innovazione. Siamo sicuri che, con il nostro supporto finanziario, potranno continuare a creare gioielli sempre nuovi ed originali con i quali rafforzare la presenza del Made in Italy in mercati già aperti e conquistarne di nuovi”. Nella foto d’apertura, da sinistra Dave Meleski, presidente di Richline, al centro Warren Buffet presidente della holding Berkshire Hathaway e a sinistra Tennis Ulrich, Ceo di Richline]]>

Altre storie
È di Baume & Mercier la migliore Campagna pubblicitaria dell’anno