fbpx


Roma, quest’anno la mostra Desideri Preziosi celebra Giuseppe Verdi

La 21esima edizione della rassegna organizzata da Camera di Commercio e Cna mette in vetrina da sabato 23 creazioni orafe dedicate al compositore

Al via tra due giorni la 21esima edizione di Desideri Preziosi, rassegna di artigianato artistico nel settore orafo e argentiero organizzata dalla  Camera di Commercio di Roma in collaborazione con CNA Roma. Quest’anno gli orafi e argentieri che vi partecipano sono stati chiamati a elaborare i propri gioielli ispirandosi a una delle opere composte da Giuseppe Verdi nel bicentenario della sua nascita, rendendo così omaggio al Maestro che è stato definito “il più grande compositore italiano di tutti i tempi”.

Ad accogliere le creazioni che hanno preso parte all’iniziativa “Giuseppe Verdi: Gioiello in Opera” sarà l’Auditorium Parco della Musica: ci sarà tempo fino al primo dicembre per ammirare le opere dei Maestri Orafi e Argentieri Romani, in cui la sapienza di antiche tradizioni, tramandate di generazione in generazione, si fonde con le tecniche d’avanguardia e i design più innovativi dando così maggior risalto a quei valori di alta qualità propri del Made in Italy. Desideri Preziosi rappresenta una prestigiosa vetrina per produzioni di eccellenza che si distinguono per la pregiatissima fattura e l’attenzione al dettaglio: quest’anno, dopo i Maya e l’Unità d’Italia (i temi delle precedenti edizioni) la rassegna ha voluto mettere in parallelo due discipline artistiche, la musica con l’oreficeria e l’argenteria.

Domani la presentazione con gli interventi di Marta Leonori, Assessore alle Politiche del commercio, dell’Industria e dell’Artigianato di Roma Capitale; Lorenzo Tagliavanti, Vice Presidente della CCIAA di Roma; Corrado Sacchi, Presidente Cna Artistico Roma. Da sabato la mostra sarà aperta al pubblico, con ingresso libero.

Orari:
Sabato 23: ore 11 – 22
Domenica 24: ore 10 – 20
Da lunedì 25 a venerdì 29: ore 14 – 21
Sabato 30: ore 10 – 22
Domenica 1° dicembre: ore 10 – 20

Altre storie
Poco meno di 10milioni di dollari per aggiudicarsi il Beau Sancy