fbpx

Record di espositori per la fiera di Hong Kong: oltre 3300 aziende. Italia sesto fornitore del paese

Record di espositori per la Fiera più grande dell’Asia: inaugurata ieri, l’edizione numero 30 della HKTDC Hong Kong International Jewellery Show conta quest’anno oltre 3300 aziende partecipanti, provenienti da 49 paesi. Aperta fino al 9 marzo all’Hong Kong Convention and Exhibition Centre (HKCEC ),la fiera ospita per la prima volta espositori da Cipro, Libano e Perù accanto agli 17 padiglioni nazionali. Sette le aree destinate ad organizzazioni internazionali come l’Antwerp World Diamond Centre, l’Israel Diamond Institute, l’Israel Export & International Cooperation Institute, l’International Colored Gemstone Association, la Japan Jewellery Association, la Japan Pearl Exporters’ Association e il Platinum Guild International. Anche per questa edizione l’ICE-Agenzia per la promozione all’estero e l’internazionalizzazione delle imprese italiane ha organizzato, su di una superficie espositiva di circa 1400 metri quadrati, una Collettiva Italiana con la presenza di 148 aziende di diverse tipologie, da quelle artigiane a quelle industriali, espressione dei principali distretti produttivi italiani e di una variegata produzione di eccellenza, in alcuni casi vere e proprie opere d’arte realizzate nei materiali più importanti: argento, oro, pietre preziose, perle, corallo, il tutto declinato con la migliore classe e creatività perché il gioiello italiano è a pieno titolo rappresentazione di arte e cultura, costume e società, storia e tradizione, ricerca e innovazione. Oggi inoltre è in programma un evento a forte valenza di immagine e promozione della presenza italiana in fiera; la Jewellery Parade, una sfilata di gioielli che si terrà durante la serata di gala organizzata dall’Agenzia ICE presso la Sky Lounge del Central Plaza, durante la quale, alla presenza di rappresentanti della stampa e qualificati operatori locali, sfileranno i “pezzi” più rappresentativi di 60 fra 148 aziende partecipanti. Per un’efficace comunicazione di “sistema”, la sfilata sarà declinata sulla base di 4 Trend proposti da Fiera Vicenza al fine di promuovere l’Italia quale “trendsetter” mondiale per eccellenza. Durante la sfilata sarà inoltre diffuso un booklet che racconterà le aziende ed i prodotti in base ai trend, mentre lo scenario, le luci ed i suoni saranno previsti in totale sintonia con i colori e le emozioni del gioiello Life in I Style. La fiera è organizzata da Hong Kong Trade Development Council (HKTDC), Hong Kong Jewellers’ & Goldsmiths’ Association, Hong Kong Jewellery & Jade Manufacturers Association, Hong Kong Jewelry Manufacturers’ Association e Diamond Federation of Hong Kong, China. Alla manifestazione stanno prendendo parte più di 90 gruppi di acquisto che rappresentano oltre 6.500 buyer provenienti da 80 paesi e regioni, come la Russia, l’Austrialia, l’Arabia Saudita e Singapore. La rassegna quest’anno è suddivisa in 10 macroaree: Hall of Fame (marchi internazionali), Hall of Extraordinary (prestigiosi brand di gioielleria); Hall of Nature (elementi); World of Glamour (alta gioielleria di aziende con sede a Hong Kong); Hall of Chic (gioielleria in argento); Hall of Time (orologi); Exclusive Showroom (gioielleria con diamanti); Designer Galleria; Hall of Jade Jewellery (pezzi in giada dalla grande varietà di colori) e Antique & Vintage Jewellery Galleria. Altra novità della fiera la nuova “Small-Ordine Zone”, che si trova presso la Expo Drive Entrance: in vendita piccole quantità di gioielli (tra i 5 e i 500 pezzi) a prezzi uguali o inferiori ai mille dollari. La rassegna quest’anno può contare anche su numerosi grandi eventi: seminari su questioni di attualità come gemme colorate e tendenze globali di diamanti e gioielli; marketing strategico, design del gioiello, tendenze del mercato negli Stati Uniti e in Europa. I riflettori saranno puntati anche sul design: tre le premiazioni che avverranno durante la manifestazione, la 14esima edizione dell’Hong Kong Jewellery Design Competition, la nona edizione dell’International South Sea Pearl Jewellery Design Competition (entrambe nella Display Area, Hall 1E Concourse), e l’International Jewellery Design Excellence Award 2013, (Display Area, Hall 1C Entrance). Nel 2012 è andato più che bene l’export di Hong Kong nel segmento gioielli: 7 miliardi di dollari, in crescita del 14 per cento rispetto all’anno precedente. Grazie all’assenza di dazi, di restrizioni al commercio e agli investimenti esteri, le importazioni  continuano ad avere un peso crescente ad Hong Kong; nel periodo gennaio-novembre 2012 l’Italia si è  posizionata al sesto posto nella graduatoria dei fornitori di gioielli, con una quota di mercato del 5,1% mentre la Cina, al primo posto, detiene una quota del 42,1% e l’India, secondo paese fornitore, una quota del 15,4%. Una ulteriore espansione tra l’altro è prevista in Thalandia, in base al protocollo d’intesa siglato tra l’Hong Kong Trade Development Council e il Thailand’s Department of International Trade Promotion, Ministry of Commerce (DITP) per favorire gli scambi tra i due paesi (cresciuti negli ultimi tre anni di quasi il 40 per cento, per un totale di . 14,7 miliardi di dollari americani nel 2012). ]]>

Altre storie
COLONNA OROLOGI