fbpx

Per l'estate accessori romantici, naturali o etnici? Ce lo dirà l'Area Tendenze di Bijoux Milano

Sono gli “Stili di vita” il tema dell’Area Tendenze di Bijoux, l’evento di fieramilano in calendario dal 24 al 27 gennaio. A fare da sfondo all’evento nell’evento, una casa immaginaria che ricrea, in un’area di circa 170 metri quadri all’interno del padiglione 11 (ideata dagli stilisti Tini Bagattini e Rita Spaggiari con il coordinamento dell’architetto Valeria Randazzo) gli spazi in cui viviamo: in scena le tendenze di accessori e bigiotteria per la prossima estate. Tre le ambientazioni scelte per sottolineare il legame tra il design da vivere e quello da indossare: una elegante sala da pranzo, un coloratissimo salotto e un rigoglioso terrazzo. In questi tre contesti, gioielli e accessori descrivono tre personalità, tre modi di essere, tre stili che possono convivere a seconda del luogo, della situazione e dell’ora del giorno, e che rappresentano le tre principali tendenze della prossima stagione calda. “Intramontabile”, “Naturalmente”, “Senza Frontiere”: questi i tre mood che i visitatori potranno attraversare e da cui potranno farsi coinvolgere. Il primo, accolto dalla sala da pranzo, rappresenta lo stile senza tempo, fatto di ricercatezza ed eleganza. Il minimalismo è bandito, e lascia spazio a una leziosa ricerca del di più, del tocco di classe che arricchisce una stanza così come un outfit. A farla da padrone, il romanticismo retrò rielaborato in chiave moderna, grazie all’uso di materiali innovativi o alla reinterpretazione del classico. Un esempio, le perle. Protagoniste indiscusse dell’estate, sono rilette con ironia: abolito il filo singolo, via libera all’esagerazione, con collane e bracciali che sembrano cascate, multi-fili di lunghezze, colori e dimensione diverse all’interno di uno stesso bijoux, chiusure macro e spesso spiritose. Anelli, bracciali, broches, collier e pendenti: l’importante è che siano macro e dall’aspetto prezioso: tornano anche le spille, dimenticate per decenni. Ricche e smaccatamente evidenti si portano non più necessariamente sul bavero, ma anche più alte e laterali, quasi all’altezza della spalla. Il secondo contesto è “Naturalmente”, natura come laboratorio di idee che nella “casa” dell’Area tendenze è collocato ovviamente nel terrazzo. Tra un vaso e una gabbietta per gli uccellini compaiono bijoux tanto ricercati da essere spesso dei pezzi unici. Legni, coralli, pietre e minerali: tutto ciò che si trova in natura diventa materiale da cui ricavare bracciali, collane, orecchini e accessori. Elementi naturali scomposti e ricomposti, spesso abbinati a dettagli plastici o innovativi. Nella prossima stagione il protagonista sarà il legno, insieme alle cromie mimetiche che hanno conquistato le ultime passerelle: bianchi, beige e colori della terra. Via libera all’effetto camouflage (ottenuto anche in versione preziosa con l’abbinamento di quarzo fumé, smeraldo verde brillante e turchesi verdi) e alle lavorazioni animalier del metallo. È tempo di passare al salone, che ospita il mood “Senza frontiere”: tanto colore e oggetti che raccontano la storia di chi lo abita. Gioielli e accessori parlano di noi, osando. Prendere spunto da più realtà, anche molto lontane tra loro, per poter raccontare le mille sfaccettature che fanno parte del carattere di ognuno. Varietà di tinte ma anche materiali insoliti, forme esasperate o spiritose, abbinamenti volutamente contrastanti, oggetti ad alto contenuto ironico. Un vagabondaggio culturale attraverso le tradizioni. Uno stile Gipsy-Hippy da sfoggiare per raccontarsi: lunghe catene piene di ciondoli, girocolli con enormi pendenti, orecchini che scendono sulla spalla come fossero cascate, nastri, frange, fiori e bijoux in tessuto. I materiali poveri trovano una nuova realtà e vengono usati come fossero preziosi. L’etnico incontra il vintage, e insieme incontrano le tecniche di lavorazione più moderne e innovative. I colori, spesso abbinati con apparente dissonanza cromatica, conquistano la scena: giallo zafferano, pavone, fucsia e turchese. Ma anche bianco, blu e rosso sangue, usati insieme, come nella più antica tradizione marinara.]]>

Altre storie
Una monografia racconta i 60anni di Fragiacomo