fbpx


Parigi, sfilata di Vip all'inaugurazione della mostra "Cartier, le style e l'histoire"

Monica Bellucci; presenti il Principe Alberto II di Monaco, John Elkann e Agatha Ruiz de la Prada [caption id="attachment_65617" align="aligncenter" width="630"] Monica Bellucci alla inaugurazione della mostra ‘Cartier: Le Style et L’Histoire’[/caption] Sfilata di Vip all’inaugurazione della mostra “Cartier. Le style et l’Histoire” nel Salon d’ Honneur del Grand Palais di Parigi. Aperta fino al 16 febbraio, l’esposizione accoglie circa 600 gioielli, oggetti, orologi e pendulette sono quindi accompagnati da testimonianze della vita artistica e del gusto dell’epoca: abiti, mantelli e altri accessori, qualche arredo, ma anche quadri, fotografie pubblicitarie, incisioni, riviste di moda. [caption id="attachment_65616" align="aligncenter" width="630"] La britannica, naturalizzata francese, Kristin Scott Thomas[/caption] A farle visita in anteprima un parterre di personaggi del mondo dello spettacolo, dell’arte e del business: riflettori puntati sull’attrice italiana Monica Bellucci, ma anche sulla collega francese Juliette Binoche. Sul tappeto rosso anche le americane  Kristin Scott Thomas e Joely Richardson. Il mondo della moda era rappresentato da Agatha Ruiz de la Prada, accompagnata dalla figlia. [caption id="attachment_65612" align="aligncenter" width="630"] L’attrice Joely Richardson alla serata di Gala dedicata a Cartier[/caption] Molti membri della nobiltà europea hanno partecipato alla serata come il Principe Alberto II di Monaco e la Principessa Ira von Fürstenberg, oltre a esponenti dell’imprenditoria come John Elkann, presidente Fiat, e sua moglie Lavinia Borromeo. [caption id="attachment_65614" align="aligncenter" width="630"] John Elkann, presidente Fiat, e sua moglie Lavinia Borromeo[/caption] Non potevano mancare i vertici di Cartier, Stanislas de Quercize, presidente e amministratore delegato di Cartier International, nonché Bernard Fornas, vice amministratore delegato di Richemont, il gruppo che possiede il marchio. [caption id="attachment_65600" align="aligncenter" width="630"] Da sinistra, il Presidente della Reunion des Musees Nationaux Jean-Paul Cluzel, la Principessa Ira de Furstenberg e il presidente di Cartier Stanislas de Quercize[/caption] Una retrospettiva senza precedenti organizzata dalla Réunion des Musées Nationaux -Grand Palais , la mostra “Cartier. Le style et l’histoire” è una celebrazione dello stile della maison e un’espressione di riconoscimento culturale che riconosce a Cartier un posto di rilievo nel mondo delle arti decorative. [caption id="attachment_65603" align="aligncenter" width="630"] Agatha Ruiz de la Prada e sua figlia Cosima Ramirez[/caption] Dal 1983  la Collezione Cartier è stata presentata in 25 mostre da numerose istituzioni culturali di tutto il mondo, tra cui il Metropolitan Museum di New York, il British Museum di Londra , la Fondazione Calouste Gulbenkian di Lisbona e il Museo di Palazzo della Città Proibita di Pechino. Una cena di gala ha concluso la giornata inaugurale dell’esposizione, che proseguirà fino a febbraio 2014. [caption id="attachment_65611" align="aligncenter" width="630"] Da sinistra, il Presidente della Reunion des Musees Nationaux Jean-Paul Cluzel, Il vice amministratore delegato di Richemont Bernard Fornas, l’attrice Monica Bellucci e il Presidente di Cartier Stanislas de Quercize[/caption] Opere d’arte a pieno titolo, infatti, le creazioni della maison gioielliera sono esposte nel contesto dell’evoluzione dei costumi e degli stili. Dalla sua fondazione nel 1847 e fino agli anni ’70, la storia della maison Cartier offre l’opportunità di scoprire un laboratorio di forme e di entrare nell’intimità di una società sofisticata che utilizza il gioiello e l’accessorio per la loro bellezza intrinseca ma anche per la funzione sociale che rivestono. [caption id="attachment_65607" align="aligncenter" width="630"] La mostra ‘Cartier: Le Style et L’Histoire’[/caption] La mostra è curata da Laurent Salomé, conservatore capo del patrimonio e direttore scientifico della Rmn-Grand Palais, e Laure Dalon, conservatrice del patrimonio, sua assistente. L’allestimento è a cura di Nicolas Groult e Sylvain Roca. [caption id="attachment_65625" align="aligncenter" width="630"] Alcuni gioielli e documenti storici esposti alla mostra ‘Cartier: Le Style et L’Histoire’[/caption]   [caption id="attachment_65610" align="aligncenter" width="630"] Uno dei gioielli protagonisti della mostra ‘Cartier: Le Style et L’Histoire’[/caption] [caption id="attachment_65609" align="aligncenter" width="630"] Altri pezzi unici esposti al Grand Palais di Parigi fino a febbraio[/caption]]]>

Altre storie
Anche al JA di New York il gioiello è smart