fbpx


Palazzo Ferré acquistato da Kiton: diventerà showroom e boutique-sartoria

Un luogo aperto di dialogo tra il pubblico e l’artigianalità Made in Italy: l’azienda di Ciro Paone si limiterà a un restauro conservativo degli interni

E’ ufficiale: Palazzo Ferré, la struttura di via Pontaccio a Milano che fu sede della maison, è stato acquistato dal gruppo di abbigliamento napoletano Kiton. I suoi oltre 4.400 metri quadrati, una volta terminato il restauro conservativo che l’azienda ha in cantiere, ospiteranno uno showroom, gli uffici commerciali e, al piano terra, una boutique-sartoria. Si appresta a diventare dunque un luogo di apertura e continuo scambio tra il pubblico e la tradizione Made in Italy.

Accessori uomo di Kiton

La nuova veste di Palazzo Ferré, chiuso da oltre un anno, sarà svelata durante la prossima edizione di Milano Moda Uomo (11-15 gennaio 2014): il gruppo di Ciro Paone si conferma in crescita (95 milioni di euro di ricavi a +18,5% nel 2012 e buone previsioni anche per l’anno in corso) e soprattutto attento ad investimenti strategici.

“Abbiamo trovato in questo palazzo la casa ideale per accogliere e raccontare la qualità e l’eccellenza di Kiton – ha commentato Antonio De Matteis, amministratore delegato del marchio – . E’ nostra ferma convinzione pensare questi spazi come fossero una porta aperta sulla nostra realtà e sul nostro modo di intendere il Made in Italy e l’alto artigianato. Questa operazione è stata fortemente voluta dal nostro presidente e ha raccolto i consensi di tutta l’azienda. Milano è una delle capitali mondiali della moda, del disegno industriale, della finanza e ora, contando su questa nuova e prestigiosa sede, la Kiton è pronta a spostare il suo baricentro commerciale, creativo e della comunicazione in questa città”.

“Non posso che esprimere la mia soddisfazione: lo spazio tanto amato da mio fratello Gianfranco diventa da ora la sede di un marchio italiano, prestigioso, attento e rispettoso della tradizione e dell’eccellenza – ha fatto sapere Alberto Ferré:-. Un ideale passaggio di consegne nel solco dei valori condivisi dello stile e dell’eleganza”.

 

Altre storie
My Dalù, messaggi personali incisi sulla ceramica