fbpx

Non solo moda, ora il marchio Byblos è anche bijoux

A meno di un anno dal lancio della sua prima collezione Orologi, il marchio iconico di moda Byblos mette piede nel settore del gioiello. È l’azienda marchigiana Osa Gioielli a produrre e distribuire – secondo quanto stabilito dall’accordo quinquennale siglato tra le due società – i Byblos Jewels, nei negozi da settembre. La parte creativa è affidata a Manuel Facchini, direttore artistico dell’azienda di moda fondata nel 1973 e famosa per i suoi abbinamenti audaci e sofisticati. Da un lato, dunque, la creatività che negli ultimi 4 decenni ha contraddistinto il brand, e dall’altro l’esperienza della Osa Gioielli, nel settore dei bijoux da vent’anni. “Byblos e Osa Gioielli condividono una storia fatta di passione – ha commentato Mathias Facchini, Ceo di Swinger International Spa, azienda che detiene il marchio Byblos -: attraverso questa partnership realizzeremo qualcosa di veramente nuovo, dedicato a chi ama l’autentico stile Byblos, espressione di un’anima italiana, contemporanea e giovane”. L’acciaio, a volte lucido e a volte opaco, si accosta a un design moderno in prodotti interamente made in Italy, pronto per essere abbinato alle fantasie geometriche e optical che hanno creato l’identità Sexties di Byblos. Oriental style per la linea ispirata agli antichi ricami e alle geometrie arabe accanto all’animo più minimal: charms, girocolli, anelli, bracciali, orecchini o puri segni preziosi vivono di suggestioni in cui simboli e loghi sono riprodotti in oggetti semplici, per la donna ma anche per l’uomo. Di grande impatto la collezione Cuorissimi, esaltata dalla elegante bellezza della testimonial di Osa Gioielli, Cristina Chiabotto. ]]>

Altre storie
Roberto Demeglio, preziosi geometrici pavé nelle collezioni Diva e Domino