fbpx


Nascono da Eccedenze i bijoux di Martina Grasselli in mostra a Milano

Eccedenze come rimasugli, avanzi. Elementi ripescati da vecchi scatoloni di metalli di produzione industriale. Cordoni di varie misure si attorcigliano attraversando ganci, chiusure, coulisse e nel loro percorso incontrano figure geometriche in diverse  tipologie di bacheliti e resine alternate a maxi perle.

Eccedenze anche come eccessi, sproporzioni di dettagli inusuali, declinate in dimensioni fuori dalle logiche cui sono solitamente destinati:moschettoni, chiusure-cerniere di pochette, ganci di collane, nodi, girandole… il tutto adornato di perle e strass.

Il gioco delle sproporzioni e delle decontestualizzazioni, rivela ancora una volta l’approccio ludico che, mescolato alla preziosità di materiali e lavorazioni, sono alla base delle collezioni Coliàc. La collezione “COLIAC” nasce nel 2009, ed è basata sull’utilizzo di diversi materiali mescolati fra loro, dal tono ironico e con spunti surrealisti ma anche contemporanei e sofisticati. A settembre Martina Grasselli è stata inserita nella guida “Vogue Talents” in uscita in allegato con la rivista Vogue.

Altre storie
Gioiello contemporaneo, artisti svedesi in mostra a Venezia