fbpx


Maria De Toni, nei suoi gioielli la lingua della cultura e dei territori

[/caption] Arte, storia e contemporeanità riecheggiano nei gioielli Maria De Toni. Le nuove collezioni della stilista orafa continuano a parlare la lingua della cultura e dei territori, vicini e lontani. Lo dimostra la collezione Pizzo di Burano, antica lavorazione veneta reinterpretata in chiave fashion e preziosa. È invece ispirata alla porta di Ishtar, l’ottava porta della città interna di Babilonia costruita nel 575 a.C.e custodita oggi nel Pergamon Museum di Berlino, l’ultima nata in casa De Toni: la Babylon Collection è un prezioso simbolo di apertura e accoglienza. Le rotondità modellate sulla sommità dell’arco diventano filigrana d’oro. Ed è un altro tuffo nel passato il bracciale Gioconda-Mona Lisa by Leonardo da Vinci & David by Michelangelo, che ha partecipato al Friendship bracelet contest andato di scena a Gold in Italy: due piccoli pendenti in argento (disponibili anche in oro) che raffigurano le due opere unite da un nastro in seta ed organza con chiusura a perla, classicismo 100% Made In Italy in un gioiello fashion ed accessibile, un nuovo punto di partenza per un rinascimento dell’economia. mariadetoni.it   ]]>

Altre storie
Turisti, Torino punta sullo shopping di lusso