fbpx


Lusso a quota 405 miliardi nel 2019: Usa in testa, Messico meglio del Brasile

Conferme e sorprese  dal rapporto periodico di Euromonitor International: rallentamento in Asia, Giappone unica eccezione

Fine art photo of a young fashion lady in a stylish interior

Il fatturato dei beni di lusso raggiungerà i 405 miliardi di dollari entro il 2019: l’Asia rallenta, ad eccezione del Giappone, e il Messico supera il Brasile per consumi. Sono alcune delle evidenze del periodico di Euromonitor International, compagnia specializzata in ricerche di mercato. Il paese nipponico vive dunque l’atteso rilancio, dovuto anche i tassi di cambio favorevoli. Usa in pole position per il consumo e anche una sorpresa in America Latina: il Messico supera il Brasile come mercato più grande dell’area per i beni di lusso. Con un Pil totale di 1,2 trilioni nel 2012, il Messico è la quinta economia emergente più grande del mondo.

Asia e Africa sub sahariana mostrano le disparità più evidenti. “A parte gli Stati Uniti, che sono al primo posto con un aumento di 18 miliardi di dollari, nessun altro mercato è arrivato neanche vicino a quei tassi di crescita – ha detto Ffleur Roberts, a capo della divisione Beni di lusso di Euromonitor riferendosi all’Oriente -. Tuttavia, questa crescita impressionante comincia a spegnersi verso la fine del periodo in esame, portando molti marchi di lusso a mettere in discussione la loro strategia per la Cina e altri mercati emergenti”.

L’indagine suggerisce che la Cina scenderà dal terzo al quarto posto in classifica per il 2014, soprattutto considerando il rallentamento della crescita economica di pari passo con il giro di vite del governo sui consumi e sul lusso. Nonostante questo, le vendite di lusso nel paese sono cresciute di 9,6 miliardi di dollari nei precedenti cinque anni. Entro il 2019 le spese cresceranno del 52% in termini reali, guidate da redditi sempre più elevati. Ritarda, comunque, il sorpasso della Cina sul Giappone previsto per il 2016: il cambiamento avverrà non prima del 2019.

La ricerca di Euromonitor International evidenzia anche che i mercati del lusso in Asia-Pacifico saranno colpiti da una nuova ondata di consumatori che passano da “prodotti aspirazionali” a oggetti più abbordabili. La crescita reale del mercato dei beni di lusso a livello mondiale dovrebbe crescere di un 4% anno su anno nel 2014, con una visione più positiva (del 6%) per il 2015.

Nonostante il rapporto preveda che entro il 2018 gli Stati Uniti, con una previsione di 34 milioni di lavoratori ad alto reddito, continueranno a guidare l’industria del lusso, saranno paesi con redditi in rapida crescita come India, Malesia, Indonesia, Messico e Brasile, ad offrire le maggiori opportunità per le imprese e i marchi che offrono beni e servizi di lusso. “Negli ultimi cinque anni la spesa di lusso nei BRICs è cresciuta del 104%, rispetto al 18% dei mercati maturi”, ha commentato Roberts.  Nel periodo 2008-2013 è stata l’India il mercato più dinamico ed è previsto ancora in crescita di un ulteriore  86% in valore costanti, seguita dalla Cina al 72%, dal Brasile al 31% e dalla Russia al 28%.

 

Altre storie
A Milano la prima boutique italiana per Sicis Jewels