fbpx

Jeremy Scott nuovo direttore creativo di Moschino. Ghesquière sostituisce Jacobs in Louis Vuitton

Rossella Jardini lascia l’incarico che ricopriva dalla morte del fondatore Franco Moschino nel 1994. Lo stilista francese debutterà a marzo

Jeremy Scott, nuovo direttore creativo di Moschino

Grandi novità ai vertici delle grandi maison di moda europee: nuove direzioni artistiche per Moschino e Louis Vuitton. La casa di moda italiana ha annunciato, tra la sorpresa di molti, la nomina del nuovo direttore creativo. Si tratta di Jeremy Scott, 39enne stilista americano che debutterà con la collezione autunno-inverno 2014-2015 durante la settimana della moda di Milano, a febbraio. Una scelta che, come si legge nella nota diffusa dalla maison, “rispetta il DNA del marchio, visto che Scott rappresenta non solo un comunicatore eclettico e contemporaneo, ma soprattutto un progettista in grado di re-interpretare l’identità e l’essenza di Moschino”.

Jeremy Scott sostituisce Rossella Jardini, che ha guidato il team creativo dal 1994 – quando scomparve prematuramente il fondatore Franco Moschino, di cui era stato il braccio destro – ad oggi. “La sua creatività e tenacia hanno spinto il brand a lungo e a Rossella rimarrà sempre una parte fondamentale della nostra storia”, fa sapere l’azienda .Per lei ci sarà comunque una posizione all’interno della casa di moda, il cui marchio è detenuto dalla società romagnola Aeffe. Nel 2012 Moschino ha realizzato ricavi di 151,8 milioni, in crescita del 7,6% a cambi costanti rispetto al 2011, mentre nel primo semestre di quest’anno l’incremento è stato del 3,5% a 73,2 milioni.

Nicolas Ghesquière sostituisce Marc Jacobs alla direzione creativa di Louis Vuitton (foto di Karim Sadli)

Un ‘terremoto’ simile è avvenuto in questi giorni anche in casa Louis Vuitton: arriva dalla pagina Fb della maison la notizia della nomina di Nicolas Ghesquière come direttore creativo delle collezioni femminili. I primi prodotti con la sua ‘impronta’ saranno presentati a Parigi il prossimo marzo. Impegnativo il ruolo che lo aspetta: prende infatti il posto di Marc Jacobs,  che all’inizio di ottobre aveva lasciato il brand dopo 16 anni di collaborazione. Francese, 42 anni, può contare su una lunga esperienza in Balenciaga, dove era arrivato giovanissimo.

Altre storie
Federorafi: mercato in ripresa ma occorre tutta la sua fisicità