fbpx


“Il Sole e la Luna. Il Tempo degli Etruschi”. In mostra le riproduzioni di gioielli etruschi

anelli La campagna maremmana, terra aspra e affascinante, scopre un nuovo volto che guarda all’arte. Sabato 1 novembre, presso l’Azienda Agricola La Scapigliata ad Orbetello, sarà inaugurato uno spazio che fino a settembre 2015 ospiterà la mostra “Il Sole e la Luna. Il tempo degli Etruschi”, una prima esposizione rurale e virtuale dei risultati di una ricerca sperimentale sulle tecniche di oreficeria etrusca, condotta tra il 1983 ed il 2000, dagli orafi Gianni Trilli e Aldo Ferdinandi. Una stalla, suggestiva per le imponenti capriate lignee, è il luogo scelto dall’architetto Aurelia Valsecchi, amministratore dell’azienda, per testimoniare che queste capacità, ereditate e conservate, sono disponibili anche oggi e possono essere declinate e impiegate nell’oreficeria quanto nel design, nell’edilizia e nella decorazione. “Gli etruschi non ci hanno lasciato testimonianze dirette di un calendario da loro usato – ha spiegato Aurelia Valsecchi – e siamo partiti da questo per dare il titolo alla mostra: sappiamo che scandivano il tempo con l’osservazione dei cicli solari e lunari, tanto che il sole e la luna erano rappresentati all’estremità del bastone degli Aruspici e sono quindi un simbolo importante della loro civiltà. […] Grazie all’impiego degli ologrammi, per la prima volta, i visitatori hanno la possibilità di apprezzare a pieno oggetti preziosi caratterizzati da una precisione e da un’eleganza nella piccola e piccolissima dimensione davvero notevole. Inoltre, potranno ammirare l’unica riproduzione al mondo della “Collana di Vetulonia”: l’originale non è più visibile da nessuna parte perché è stato rubato”. L’iniziativa proporrà 35 pezzi in oro, copie finissime di alcuni manufatti etruschi ed egiziani conservati nei principali musei del mondo, esposti per i prossimi mesi all’interno di un percorso museale multimediale originale: alcuni degli oggetti più significativi, infatti, sono riproposti in forma di ologramma – realizzati dal visual designer Paolo Buroni – che consentirà ai visitatori di apprezzare fin nel minimo dettaglio le tecniche di lavorazione dei gioielli esposti. collana ritocco        ]]>

Altre storie
Le Carose: il tombolo nelle nuove collezioni, un inno al fatto a mano