fbpx


Il Gotico secondo Giorà

[caption id="attachment_12870" align="aligncenter" width="520" caption="Le Magie di Giorà by Giovanna Raspini"][/caption] Ma da vicino sono tutta un’altra cosa, sono very very glamour. Hanno un’attrattiva che a descriverla risulta difficile perché Giovanna Raspini sa mettere quel pizzico di originalità in ogni collezione presentandole sempre funzionali e di facile indossabilità.

Ha fatto nuovo anche il più antico dei monili, l’intramontabile slave bracelet che da millenni fa impazzire le donne di tutto il mondo, e non è cosa da poco. Si mettono in mostra, si fanno notare perché suonano, tintinnano, che è il lato più spassoso in un gioiello. Altrimenti perché indossarli!

Ogni nuovo modello, tutto italiano e realizzato a mano, è un dialogo con le ultime tendenze, quasi uno scambio di informazioni che personalizza ora con l’addizione di sirene, ora di pelle scamosciata, qualche volta con cristalli colorati o una infinità di medagliette in maxicatene very jingling jewels, quasi una derivazione araba ma con radici metropolitane. L’ultimo successo Giorà lo ha ottenuto conLe Magie di Giorà by Giovanna Raspini”, un leggero gotico in cui ha fatto spazio a ragni, gufi, ranocchi e teschi; seducenti simboli esoterici anche come ciondoli o in fila indiana su grandi orecchini a cerchio, tutti su di un metallo dal singolare tono polveroso.

Esaltano, invece, una sofisticata internazionalità quelle polsiere che portano incisi i nomi delle cities più charmantes. È intorno alla forma che ruotano i gioielli di questa linea che si propone in eclettiche soluzioni elastiche realizzate alcuni con baguette micro fuse lisce – o bombate come esotiche ceste -, altri con intarsi vuoti o pieni assemblati a mano in satinato oro e palladio. E cuori, tanti cuori da indossare con passione, gioia, magia e amore.

]]>

Altre storie
Patek Philippe, premiati i cinque vincitori dell’Artisanship and Precision Competition