fbpx


Hommage Open Dial di Roger Dubuis, anche il restyling è arte.

Roger Dubuis, a garanzia che anche nel nuovo Hommage Open Dial, reinterpretazione della Collezione Hommage, i motivi di interesse saranno sicuramente molti. Ben nota l’audacia nel proporre soluzioni ardite ed innovative, la Maison ginevrina sorprende anche quando mette mano, con impeto più contenuto, a Collezioni ben sedimentate nelle loro linee classiche, combinando insieme elementi tradizionali e contemporanei in una coabitazione che ne esalta specificità ed attrattiva. orologio-uomo-roger-dubuis-2 Quindi le due aperture centrali concentriche sul quadrante del nuovo Hommage Open Dial, attraverso cui è possibile spiare la complessità tecnica del movimento. E quindi ancora una terza apertura, quella dei piccoli secondi ad ore 9 che scompagina l’assetto canonico di un tradizionale segnatempo. I numeri più importanti dell’Hommage Open Dial: 42mm per la cassa, con 11,12 di spessore; 52 ore la riserva di carica, con regolazione di precisione in 5 posizioni; 184 componenti con 35 rubini; 4 Hz la frequena (28.800 alternanze/ora). Due le versioni, per un’edizione limitata a soli 88 pezzi ciascuna, con cassa, indici romani e fibbia ad ardiglione rispettivamente in oro bianco oppure in oro rosa, mosse entrambe dal calibro automatico RD620 con micro-rotore, progettato, sviluppato e prodotto in Manifattura e pienamente rispondente ai severi requisiti imposti dal Poinçon de Genève, la prestigiosa certificazione che accompagna ogni segnatempo Roger Dubuis. www.rogerdubuis.com ]]>

Altre storie
Paviè, a marzo doppio appuntamento con i colori dei suoi bijoux