fbpx

Gioielli in Fermento 2013, c'è tempo fino al 15 aprile per partecipare

Torna l’esposizione di gioielli d’autore “Gioielli in fermento”: c’è tempo fino al 15 aprile (le opere dovranno poi essere presentate entro il 3 maggio) per iscriversi al concorso destinato a designer, artisti, orafi contemporanei, per la realizzazione ed esposizione di un gioiello ispirato al tema ‘Il senso del gusto’. La terza edizione del Premio Torre Fornello sarà inaugurata dunque il 12 maggio alle ore 17 e resterà aperta fino al 31. Gioielli in Fermento rinnova la sfida del racconto di un’esperienza che intende unire ogni anno attorno a un tema popolare le infinite espressioni individuali dell’autoproduzione contemporanea nel loro dialogo con passioni che il pubblico conosce bene: vino e gusto. Malgrado le apparenze, c’è infatti molto in comune tra il senso del gusto – un sorso di vino, un piatto impeccabile – e il mondo del gioiello d’autore. Quest’anno il Premio Torre Fornello 2013 – che avrà luogo presso  la Vigna delle Arti, Fornello di Ziano Piacentino – si svolge in collaborazione con Joya Barcelona: in palio due posti per la partecipazione individuale come espositore a Joya, Semana de la Joyeria Contemporanea a Barcellona per l’edizione di ottobre. A vincerli, gli autori delle due opere giudicate più interessanti per originalità e attinenza al tema, coerentemente a cura e dettaglio di realizzazione di un oggetto contemporaneo quale ornamento per il corpo. Alla selezione è ammessa qualunque forma di ornamento: ciascun artista potrà presentare da una a tre opere (è prevista una simbolica quota di iscrizione, mentre la partecipazione è gratuita per i soci dell’Associazione Gioiello Contemporaneo). L’ammissione al concorso sarà valutata con il parere dei responsabili di Joya Barcelona, e giocherà sugli elementi chiave: materiali/materia prima, coerenza, sperimentazione, equilibrio stilistico, cura di realizzazione e portabilità. Il concorso prevede l’assegnazione del Premio Torre Fornello da parte di una Giuria invitata da Enrico Sgorbati, titolare di Torre Fornello. Sono inoltre previste anche altre occasioni espositive durante l’anno che mostreranno i lavori in concorso in contesti adatti allo spirito di questa manifestazione e all’interesse enoturistico già suscitato intorno alle precedenti edizioni del progetto. Le opere che conseguiranno il Premio verranno acquisite ed entreranno a far parte della collezione privata Gioielli in fermento – Premio Torre Fornello.]]>

Altre storie
Comete Uomo, le nuove creazioni del brand