fbpx

Fulvio Pertica nuovo presidente degli orafi torinesi: "Riapriremo il dialogo con le scuole"

“Uno dei primi obiettivi sarà quello di riallacciare il dialogo interrotto con le scuole”. Così comincia il primo mandato da presidente dell’Associazione Orafa Torinese Fulvio Pertica, dopo quattro da Vice presidente al fianco del presidente pro-tempore Gianpiero Monticone. Ma negli obiettivi della squadra – composta da Alessandro Buosi Baewart e Enrica Vinesia (vicepresidenti), e dai consiglieri Pierangelo Conzano, Dante Di Lilla, Pasquale Lombardi, Gianpiero Monticone, Mauro Morosini, Paolo Ricci, Paolo Rollé e Lorenzo Tiano – ci sono anche l’Expo e un nuovo spirito con cui vivere l’associazione. “Vogliamo indossare degli occhiali rosa per cominciare a guardare al futuro con più positività  – spiega Pertica, 67 anni, che oltre alla lunga esperienza in campo associativo, ne conta una altrettanto significativa in campo imprenditoriale – e anche per questo è stata scelta una squadra composta da molti giovani. Contiamo molto sul loro entusiasmo e sulla loro verve”. Pertica inizia a lavorare in fabbrica ancora adolescente fino a diventare imprenditore, rilevando l’azienda nel 1981. Molti anche gli incarichi nella formazione, come l’impegno nell’ambito della Scuola Professionale Orafa E.G. Ghirardi di Torino di cui è stato anche Preside. E allora è naturale chiedergli qual è il rapporto dell’Associazione con la formazione. “Vogliamo recuperare il terreno perduto – spiega il neopresidente – perché il dialogo con le scuole si è interrotto per troppo tempo. A Torino ne abbiamo due: una di orologeria, l’altra per orafi. Insieme a loro vogliamo creare qualcosa di buono per i giovani che vogliono specializzarsi in questo ambito che, malgrado le difficoltà congiunturali, è ancora bellissimo”. Gli obiettivi a lungo termine? “Di quelli ne abbiamo ancora di più – racconta Pertica -: primo fra tutti Torino Capitale dello Sport 2015, un’opportunità incredibile per la città e le attività economiche che vi operano. E poi, certamente, l’Expo: abbiamo la fortuna della vicinanza geografica con Milano e vorremmo sfruttarla per lanciare il messaggio: ‘Torino esiste’. Svilupperemo il progetto su diverse direttrici, a partire da iniziative relative alle nostre vetrine”. Un carattere determinato, quello di Fulvio Pertica. Che a Preziosa magazine anticipa: “Stiamo per formalizzare un’iniziativa particolare: creare un oggetto, un gioiello, che identifichi gli associati. Lo progetteremo insieme a un istituto di design e, una volta realizzato, lo metteremo in esposizione e in vendita nei negozi appartenenti all’Associazione. Un prezioso indomabile ed esclusivo, che darà idea dello spessore di chi compone la nostra compagine”. L’Associazione provinciale orafi è parte di Federpreziosi Confcommercio. Quali i rapporti? “La Federazione nazionale sta portando avanti un intenso lavoro per creare una vera unità di filiera che consenta di dare al settore sempre maggiore vigore e autorevolezza in ambito nazionale e internazionale – spiega Pertica -. L’Orafa Torinese avrà come priorità un affiancamento deciso e attento alle sue attività nel creare una reale condivisione delle varie tematiche: il comparto orafo ha indubbiamente esigenze differenti a seconda del tipo di attività e delle realtà territoriali in cui si trovano ad operare ma l’obiettivo è comune a tutti”.]]>


There is no ads to display, Please add some

Preziosa Magazine è la rivista per il mercato della gioielleria e dell’alta orologeria, un autorevole punto di riferimento per gli operatori del settore.

Acquista nel marketplace di Preziosa Magazine

Altre storie
Le città italiane nel cuore di Tiffany