fbpx

Fratelli Dinacci. Nuove proposte e nuove esperienze a sostegno della passione

Flavio e Tiziana Dinacci Flavio e Tiziana Dinacci[/caption] Un secolo di storia alle spalle ed è immutata la voglia di creare bellezza. L’azienda Fratelli Dinacci, che ha mosso i primi passi nel saggio dei metalli preziosi, si è poi specializzata nella realizzazione di montature e semilavorati. Oggi è ambasciatrice del Made in Italy nel mondo (è stata la prima azienda di montature ad ottenere il marchio dall’Istituto per la Tutela dei Produttori Italiani) e lo dimostra ampliando costantemente prodotti e obiettivi. Ad annunciare le ultime novità è Flavio Dinacci, amministratore dell’azienda che gestisce insieme a sua sorella Tiziana; all’attività di imprenditore, tra l’altro, aggiunge anche un ruolo istituzionale: dal 2014 è vicepresidente della Federazione Orafa Campana. dinacci bracciali Come è iniziato il 2015? La Fratelli Dinacci conferma il trend positivo, puntando sempre sulla sua anima italiana. L’anno comincia con il lancio di gioielli “light”, prodotti leggerissimi ed innovativi che si adeguano alle forti oscillazioni del prezzo dell’oro. Partiamo, per esempio, da un mini solitario da 1,20 grammi, fino ad arrivare alle fedine ed ai ciondoli. Dinacci Bracciale Il segmento del gioiello finito è mai entrato nella vostra produzione? Abbiamo appena vissuto un’esperienza incredibile. Grazie alla Confartigianato Vicenza e alla lungimiranza del presidente nazionale Franco Pozzebon siamo stati selezionati per il progetto “Gioielli made in Italy designed in China”. Con altre nove aziende italiane abbiamo realizzato gioielli progettati da celebri designer cinesi da destinare al mercato orientale, facendo un’ottima pubblicità al nostro Paese. [caption id="attachment_95698" align="aligncenter" width="630"]“Gioielli made in Italy designed in China” - Miss Yolanda per Fratelli Dinacci “Gioielli made in Italy designed in China” – Miss Yolanda per Fratelli Dinacci[/caption] Per la sua azienda le fiere hanno sempre rappresentato una garanzia di business. È ancora così? Qualcosa sta cambiando. C’è uno sbandamento generale: le manifestazioni di settore in alcuni periodi sono troppo frequenti e questo ci disorienta. Se mi metto nei panni dei compratori, diventa davvero difficile seguirle tutte. In molte occasioni l’azienda ha legato il proprio nome al mondo dello sport. E nel futuro? Dopo la positiva esperienza con Martina Guiggi, pallavolista della nazionale italiana, non escludiamo qualche altro “colpo”. Chissà che non potremo permetterci una nuova testimonial tra le sportive che ci hanno fatto sognare all’ultimo mondiale… www.fratellidinacci.it  ]]>

Altre storie
ICE protagonista ad Hong Kong