fbpx

Fratelli Dinacci. Non accontentarsi mai per migliorarsi sempre di più

Una cultura aziendale con l’accento sulla dimensione umana

Quello che ci aspettavamo nel post-pandemia è arrivato puntuale: più attenzione al risparmio, ma anche tanta voglia di ricominciare. I sacrifici quindi possono essere messi in standby. La Fratelli Dinacci, storica azienda fondata nell’Antico Borgo Orefici come saggio dei metalli preziosi e montature, e con sede principale presso Il Tarì di Marcianise – dove si occupa anche del trattamento delle ceneri e del recupero dei metalli preziosi -, nel suo palmarès annovera riconoscimenti dai più importanti organi della gioielleria italiana ponendo al centro del business aziendale la soddisfazione del cliente, a cui da sempre riconosce parte del traguardo raggiunto. E, quindi, per intercettare ancora meglio i suoi desideri, alla certezza del Made in Italy delle montature dall’elegante design, di cui è leader nel settore, oggi aggiunge un ulteriore valore strategico: la leggerezza, che, non sottraendo alcunché alla bellezza, incide positivamente sul costo.

Non per strategia concorrenziale ma come arma di customer satisfaction: offrire al prezzo giusto un oggetto prezioso. Se l’acquirente è appagato, lo stesso si può dire anche dei collaboratori di Flavio e di Tiziana Dinacci, i due fratelli che hanno fatto valere le loro doti di leadership da quando sono alla guida del marchio, nato agli inizi del secolo scorso.

Conduzione familiare a tutto tondo con il risultato di un team affiatatissimo, fatto di persone che con le loro capacità rafforzano e rinnovano la strategia aziendale. Persone con cui condividere anche una grande passione, lo sport, come spiega Flavio Dinacci, AD dell’azienda.

Flavio e Tiziana Dinacci


La Fratelli Dinacci è sponsor della squadra femminile di serie A UYBA di Pallavolo, come mai questa scelta?
Lo sport è impegno, è determinazione, è sana competizione, proprio come noi affrontiamo il lavoro. Le ragazze di Busto Arsizio che indossano la maglia della Unet e-work, tra cui spicca la campionessa Francesca Piccinini, sono atlete di alto livello ed essere loro sponsor significa sostenere il loro cammino, partecipare alle loro fatiche, far sì che i loro sogni siano un po’ più vicini alla realtà e che i loro sacrifici non siano vani.

Francesca Piccinini

Quindi nel profilo del vostro target non può mancare la donna sportiva, dinamica?
Le montature cambiano con i tempi, come cambia la moda. Prima si disegnava per una donna che aveva esigenze che si stanno lentamente smarrendo mentre oggi si tiene conto della loro dinamicità, del loro essere multitasking, perché possano indossare un gioiello sempre, in ogni contesto.

Siete specializzati nella realizzazione di gioielli finiti e montature. Quest’ultima perché è importante in un gioiello finito?
Per ogni pietra c’è bisogno di una struttura che ne esalti la luce, il colore, la preziosità. La montatura è l’anima di un gioiello e al contempo deve vantare un design ricercato ed una manifattura eccellente.

Si parla di leggerezza, cosa si intende?
Stiamo realizzando alcuni modelli lavorando sulla quantità del metallo senza intaccare il design né tantomeno la qualità, utilizziamo infatti solo oro 18 carati senza ricorrere a leghe inferiori alternative.

Siete riusciti a creare un team molto affiatato e professionale, un valore di squadra che diventa uno degli aspetti del successo della Fratelli Dinacci.
Alcuni collaboratori sono con noi da tempo immemorabile e pensarli come parte della famiglia viene naturale. Sono professionisti di tutto rispetto, ognuno con le proprie capacità. In loro riponiamo tutta la fiducia che meritano e ci piace tenere in considerazione la loro soddisfazione. Tra i benefit abbiamo inserito il venerdì di fine mese ‘non lavorativo’. Non è una sperimentazione ma una pratica permanente visto che sin dall’inizio i nostri collaboratori hanno apprezzato, rispondendo con più energia ed efficienza, per evadere con ulteriore puntualità e precisione gli ordini sempre più numerosi.

https://www.fratellidinacci.it/

Altre storie
Il futuro è innovare la tradizione