fbpx

Diego Percossi Papi, un gioiello come messaggio immediato di bellezza

Dalla scultura al gioiello. È il percorso creativo di Diego Percossi Papi che trasforma in piccoli capolavori visioni spettacolari.

Pezzi unici, o in edizione limitata, che sintetizzano anni di esperienza, che profumano di storia ma capaci di venire a patti con la fantasia. Parte viva della sua ricerca è la meticolosa progettazione dello studio del colore e delle forme come elementi di seduzione che fanno del gioiello uno spettacolo. E sa di magia la liaison tra l’argento vermeil, su richiesta anche oro, e i colori delle pietre semipreziose e degli smalti cloisonnèe, l’antica tecnica bizantina dall’effetto mosaico.

  I suoi orecchini “sole e luna”, emblema dell’atelier, sono venduti in asta da Christie’s a Ginevra e in Cina, ma nei suoi lavori l’arte non prende le distanze dal fashion, anzi, coesistono da sempre e con le nuove idee creative dei figli Valeria e Giuliano hanno avvicinato anche i più giovani oltre ad arricchire il già formidabile archivio di disegni firmati, datati e valutati come opere d’arte. Ma quando un gioiello condivide l’Oscar per i costumi, nella fattispecie quelli indossati da Cate Blanchett nel film “Elizabeth, the golden age”, le parole devono cedere il posto alla vista. www.percossipapi.com ]]>

Altre storie
Illusions, sofisticate promenade a colori di Andrea Marazzini