fbpx

Dalla natura al Muro del pianto: il gioiello contemporaneo degli allievi dello IED Torino

Mettete dei fiori nei vostri cannoni di Cecilia Mosso[/caption] Una collezioni di gioielli a tema libero che rappresentano i primi concreti passi degli allievi del primo e del secondo anno di corso di Primo Livello in Design del Gioiello – Accessori dell’Istituto Europeo del design di Torino. Una testimonianza diretta del percorso che gli studenti compiono verso il conseguimento di un Diploma accademico che li proietta nel mondo della realizzazione di gioielli, bijoux e accessori. È nata così la linea di progetto a tema libero “Gioiello contemporaneo”, in cui le ispirazioni degli allievi arrivano da luoghi simbolo come il ‘Muro del Pianto’, dal mondo antico dei gladiatori, da quello orientale o della natura dove un fiore si indossa diventando gioiello. I manufatti sono stati realizzati grazie all’utilizzo di nuovi materiali sintetici o naturali o ricorrendo alla capacità del singolo di reinterpretare materiali tradizionali. [caption id="attachment_58996" align="aligncenter" width="630"] Muro del pianto di Shai Rachlin[/caption] Sono veri e propri gioielli e accessori di ricerca: oltre agli studi di psicologia, antropologia e arte, il designer viene introdotto nel mondo dell’oreficeria artigianale grazie ad esperienze di laboratorio, dove apprende il processo di prototipazione, per poi approfondire le tecniche di assemblaggio per la definizione di elementi snodati. Niente di già visto; idee originali portate a compimento attraverso l’apprendimento di tecnica ed espressione: gli studenti vengono accompagnati nella realizzazione del gioiello nel laboratorio torinese di Dante e Aurora Di Lilla. Qui acquisiscono le tecniche di profilatura, incisione e perforazione oltre che l’impiego di materiali quali rame, ottone, alpaca, pietre semipreziose e plexiglas. [caption id="attachment_58995" align="aligncenter" width="630"] Mistletoe di Malvina Rossetti[/caption] La collaborazione con il mondo dei professionisti è alla base dello svolgimento del Corso, che unisce le eccellenze del territorio alla cultura del design: durante le varie edizioni hanno collaborato ai progetti didattici le realtà di Momaboma – borse, Castoro Gioielli con la linea Amanda oro e perle, JJewels Milano, Emu Design – scarpe, Martini e Rossi, Nico Design – occhiali, Napapijri e nel corso dell’ultimo anno accademico di Rubinia – gioielli, Na2rale, Happiness – accessori, Agena, MUSY Padre e Figli, Dolomite e Hip Hop Binda. [caption id="attachment_58993" align="aligncenter" width="630"] Forget me not di Domiziana Talarico[/caption] Nelle precedenti edizioni il percorso di studi si è concluso con progetti di tesi redatti in collaborazione con Breil, Cesare Paciotti e per l’anno accademico appena concluso con Misis Gioielli. Il Corso del Design del Gioiello è coordinato da Daniela Bulgarelli, antropologa del gioiello ed esperta in ornamentazione corporea; nello sviluppo progettuale il Corso si è avvalso, nella creazione delle scarpe, del supporto professionale di Ubaldo Malvestiti e per la progettazione occhiali di Stefano Russo. [caption id="attachment_58992" align="aligncenter" width="630"] Fenghuang-Long di Cecilia Rasetti[/caption]   [caption id="attachment_58991" align="aligncenter" width="630"] Collana e bracciale Spartacus di Alessia Antonini[/caption]   [caption id="attachment_58990" align="aligncenter" width="630"] Anello Nest di Daria Gemma e bracciale Incanto di Federica Lazero[/caption]   [caption id="attachment_58988" align="aligncenter" width="630"] Scarabeo di Othmane Benradi[/caption]   [caption id="attachment_58989" align="aligncenter" width="630"] Anello Love lost di Carlotta Dasso e bracciale Geometric Circus di Daria Gemma[/caption]]]>


There is no ads to display, Please add some

Preziosa Magazine è la rivista per il mercato della gioielleria e dell’alta orologeria, un autorevole punto di riferimento per gli operatori del settore.

Acquista nel marketplace di Preziosa Magazine

Altre storie
Mario Valentino, l’iconicità del brand tra tacchi vertiginosi e modelli flat