fbpx


Concorso "Gioielloinarte", tutti i dettagli del bando

Disponibili tutti i dettagli del bando di partecipazione al concorso “Gioielloinarte” indetto dall’Università e Nobil Collegio degli Orefici Gioiellieri Argentieri dell’Alma Città di Roma. Il tema, per quest’anno, è “Il preziosismo pittorico di Gustav Klimt“: il concorso vuole valorizzare, promuovere e diffondere la cultura dell’arte del gioiello, dimostrare la valenza di un lavoro che, pur basandosi su un’alta tecnica esecutiva, contenga ricerca, innovazione e contemporaneità. L’Università degli Orefici, da sempre, coinvolge nell’organizzazione delle proprie manifestazioni tutte le componenti attive e rappresentative del comparto.  Il Bando del concorso è stato elaborato dal comitato promotore dell’iniziativa formato da eminenti soci del sodalizio, giornalisti e responsabili della formazione nazionale settoriale, forte del sostegno delle associazioni più rappresentative del settore come  Giuseppe Aquilino, presidente di Federpreziosi Confcommercio; Silvana Balbi de Caro, presidente AIAM – Associazione Italiana Arte della Medaglia; Luciano Bigazzi Presidente Nazionale Confartigianato Orafi artistico; Fausto Maria Franchi, presidente Nazionale CNA Orafi artistico, Maurizio Vigezzi, Presidente Scuola Arte della Medaglia e Maria Gabriella Felizzi, presidente AGC – Associazione Gioiello Contemporaneo. “Il settore del gioiello, pur mantenendo il suo grande patrimonio conoscitivo, spesso è privo di impulsi, difetta nell’innovazione verso un lessico  contemporaneo più adatto alla velocità ed agli stimoli del mondo contemporaneo – ha commentato il Console Camerlengo Corrado di Giacomo (nella foto a sinistra) quarta generazione di una storica famiglia di gioiellieri romani sin dal 1870, eletto lo scorso maggio al termine del rinnovo del direttivo -.  Questo concorso nelle sue intenzioni vorrebbe creare interesse e stimolo nella categoria per una nuova visione e percezione del gioiello e contemporaneamente pubblicizzare all’esterno, anche attraverso un’apposita mostra, l’idea del gioiello e le sue potenzialità espressive”. Il Concorso è anche l’occasione per promuovere manifestazioni culturali, dibattiti, momenti d’informazione sulla contemporaneità, sulle tecniche orafe, sulla storia del gioiello; letture e dibattiti con artisti per un’analisi sui vari aspetti dell’essere orafo, si svolgeranno, presso la sede del Nobil Collegio, da ottobre a marzo 2013. L’iniziativa si inserisce dunque in un fitto calendario di appuntamenti che l’Università e Nobil Collegio degli Orefici Gioiellieri Argentieri periodicamente predispone per creare una rete del comparto capace di veicolare i significati collegati alle creazioni uniche della tradizione italiana. [caption id="attachment_40149" align="aligncenter" width="630" caption="Uno degli eventi ospitati dall'Università e Nobil Collegio degli Orefici Gioiellieri Argentieri"][/caption] Così, nel 150esimo anniversario della nascita di Gustav Klimt, il concorso vuole, nella sua prima edizione, rendere omaggio a un artista tra i grandi, che, avvalendosi del suo peculiare preziosismo pittorico, seppe interpretare e analizzare la profonda inquietudine del suo tempo. Il movimento promosso dall’artista fu capace di attrarre a sé anche artisti di altre branche della creatività umana, cercando di realizzare l’idea dell’arte totale, dove un vaso aveva la stessa valenza di un quadro, la musica si coniugava con l’architettura, affinché ogni aspetto del bello potesse entrare nella quotidianità. C’è più di un motivo, dunque, per scegliere Klimt come ispirazione dell’iniziativa: tra questi, l’essere figlio di un orafo. La potenzialità espressiva dell’oro viene amplificata dall’artista tramite un’astrazione dal contesto: isolando le figure dal mondo, racchiudendole nell’oro, proiettandole in una dimensione cosmica. Per partecipare al concorso “Gioielloinarte”, aperto a tutti, si può presentare domanda entro il 30 settembre completa di curriculum vitae, scheda di iscrizione compilata, immagini con descrizione e ricevuta del pagamento della quota di iscrizione di € 30: il concorso è diviso in due sezioni, gioiello tradizionale e gioiello contemporaneo. Ogni artista può partecipare con un massimo di un gioiello per sezione. I manufatti da sottoporre all’attenzione della giuria – presieduta dal Console Camerlengo dell’Università degli Orefici, Maestro Corrado Di Giacomo, e composta da Anna Mattirolo, direttrice del MAXXI Arte di Roma, Micol Forti, direttrice del settore contemporaneo dei Musei Vaticani, Donatella Figi, responsabile dello Sviluppo-Prodotto della Jewelery Business Unit di Bulgari e da Laura Maria Vittoria Vallero, direttrice vendite Italia della Tiffany & Co. – dovranno rispondere ai seguenti requisiti: per la prima categoria, dovranno essere utilizzati metalli preziosi (oro, argento, platino) e, se impiegate, gemme naturali. Per la sezione contemporanea i metalli preziosi (oro, argento e platino) potranno essere abbinati con qualsiasi altro materiale. A partire da lunedì prossimo, l’iscrizione potrà essere effettuata direttamente via web sul sito www.universitadegliorefici.it (dove si trovano tutti i dettagli del concorso) utilizzando l’apposito link e seguendo le istruzioni specifiche. In alternativa, la scheda di iscrizione può essere scaricata ed inviata unitamente alla documentazione richiesta a: info@universitadegliorefici.it o a mezzo posta o corriere espresso all’indirizzo Università degli Orefici – Via di S. Eligio, 7 – 00186 Roma. I candidati che avranno superato la selezione saranno avvisati entro il 10 dicembre: i “finalisti” dovranno eseguire l’elaborato e inviarlo entro il 30 marzo 2013 al seguente indirizzo: Università degli Orefici – c/o caveau ditta Ivano Proietti sistemi di sicurezza s.r.l.-Circonvallazione Appia , 79-00179 Roma. La giuria valuterà gli elaborati e proclamerà il vincitore del primo premio, uno per ogni sezione, del valore di € 2.000,00. Tutti i gioielli selezionati per il concorso saranno esposti in una mostra che si terrà a Roma in una prestigiosa sede, nella primavera 2013 e saranno pubblicati nel relativo catalogo.]]>

Altre storie
Brera, nuove idee da esibire