fbpx

Bovet 1822, valore aggiunto del decoro d'arte

Eurytides Marcellus della famiglia Château de Môtiers 40, edito da Bovet 1822, conferma la vocazione artisticamente visionaria ed intraprendente di Pascal Raffy, titolare della Maison: i quadranti dei suoi segnatempo invitano a promenades immaginifiche, in un tempo che sembra paradossalmente sospeso.


Eurytides Marcellus press 6-min
Edouard Bovet, fondatore della Maison svizzera, intuì il valore aggiunto del decoro d’arte (fu infatti il primo ad introdurre i fondelli trasparenti per ammirare, oltre il fascino della meccanica, le pregiate finiture dei movimenti, grazie a cui la fama degli incisori di Fleurier, originaria sede dei laboratori Bovet, superò quella dei colleghi ginevrini. Nasceva il lusso accessibile, in seguito pluripremiato in numerose competizioni internazionali). Solo funzioni ore e minuti, per non ingolfare di complicazioni la rappresentazione pittorica confinata nella lunetta, regolate dal calibro automatico 11BA15 con riserva di carica di 42 ore. Cassa (del diametro di 40 mm per 7,45 di spessore) e fibbia ad ardiglione del cinturino in alligatore sono in oro rosso 18 carati per un peso complessivo di 58,47 grammi.

www.bovet.com

]]>

Altre storie
Bulgari, svelato a Parigi “Eden. Il giardino delle meraviglie”