fbpx

Bain&Co., il lusso continua a crescere

Dopo il +3% del 2014, quest’anno il rapporto realizzato in collaborazione con Altagamma evidenzia un aumento medio del 2-4%. Segno positivo anche per la spesa dei russi

lusso

Quota 224 miliardi di fatturato nel 2014, +3 % rispetto al 2013, e anche quest’anno il lusso si prevede in crescita. E’ quanto emerge dalla ricerca “Worldwide luxury markets monitor 2015 spring update” di Bain & company, realizzata e presentata a Milano in collaborazione con Fondazione Altagamma. La traiettoria ascendente è infatti proseguita anche nel primo trimestre del 2015: l’andamento del mercato per l’intero anno si prevede in aumento del 2-4% a valuta costante.

Secondo l’indagine di Bain&Co., le fluttuazioni valutarie nel primo trimestre di quest’anno hanno avuto un impatto immediato sui flussi turistici e modelli di spesa, soprattutto tra i cinesi: l’Europa occidentale è stata infatti fortemente sostenuta dal turismo asiatico, che ha beneficiato della svalutazione dell’Euro, mentre l’Europa orientale continua a soffrire.

Lieve calo nel primo trimestre 2015 per gli Stati Uniti, che perdono terreno sul sempre più rilevante canale dello shopping turistico: l’impatto è dovuto al dollaro forte, che riduce le spese turistiche solo in parte compensate dal consumo locale. in Giappone, il turismo ha cambiato completamente le dinamiche del mercato del paese, che chiede nuove iniziative per servire i clienti. Il flusso del turismo cinese ha guidato la performance del mercato asiatico, sostenendo la Corea del Sud e Sud-Est asiatico a scapito della Grande Cina: Bain&Co. considera questa fase della Cina continentale come il “momento della verità”, in cui tutti i player chiave del lusso lottano per spingere il mercato.

Malgrado il calo della Russia (e della spesa dei russi in tutto il mondo) quest’anno si attende comunque una crescita del 3-5 per cento (a cambi costanti). Il turismo si conferma per Bain&Co il driver principale delle performance del lusso globale, ma non l’unico. Altri fattori infatti hanno rimodellato il mercato negli ultimi 15 anni: il numero complessivo di consumatori di lusso è aumentato da 140 a oltre 350 milioni. Oggi, i consumatori cinesi costituiscono più del 30 per cento della spesa globale del lusso e sono in gran parte responsabili della transizione dal consumo locale alla spesa turistica, che oggi rappresenta circa il 50 per cento di tutto lo shopping di lusso.

Nonostante il fenomeno della “corsa al lusso” la consapevolezza e la coscienza dei consumatori sono aumentate in modo significativo, portando ad un aumento del mercato di lusso “off-price” (quello definito “sotto-costo”, come gli outlet) che oggi rappresenta più del 30 per cento delle vendite totali.

“Le attuali dinamiche di mercato gettano luce su come l’industria sia cambiata nel corso degli ultimi 15 anni – ha detto Claudia D’Arpizio, partner di Bain e autore principale del rapporto -. Le dinamiche di prezzo, la distribuzione e la strategia del cliente restano in cima all’ordine del giorno per le aziende del lusso, ma i vecchi modelli sono stati messi in discussione. In questo nuovo contesto, i marchi devono essere sottoposti a un cambiamento fondamentale di paradigma, se vogliono vincere nel prossimo futuro”.

 

 


There is no ads to display, Please add some

Preziosa Magazine è la rivista per il mercato della gioielleria e dell’alta orologeria, un autorevole punto di riferimento per gli operatori del settore.

Acquista nel marketplace di Preziosa Magazine

Altre storie
Golden Corals continues to mark the gold tradition from Torre del Greco