fbpx


Antonino De Simone, successo a Hong Kong grazie a qualità e affidabilità

  Pallini, cabochons di ogni tipo ma anche raffinati gioielli, dove il corallo della Antonino De Simone domina, impreziosito da oro e diamanti: si è ripetuto anche quest’anno il consueto successo della storica azienda di Torre del Greco a Hong Kong, dove dal 3 marzo ha esposto le proprie creazioni alla Fiera del gioiello all’Awe. Prima di chiudere lo stand 11-E12 di questa edizione della rassegna asiatica (la manifestazione, una delle più importanti al mondo, termina oggi), Gioia De Simone e Michele Palomba hanno voluto raccogliere le impressioni di alcuni tra i tanti visitatori che, in questa settimana appena passata, hanno ammirato il frutto rosso del Mare Nostrum. Un vero e proprio plebiscito in favore della serietà dell’azienda, apprezzata dai buyer, che al contempo hanno riconosciuto l’altissima qualità dei gioielli Antonino De Simone. Così, alla domanda “Perché comprare da noi?” la risposta più frequente è stata “Perché la qualità si mantiene costante, sempre alta in ogni acquisto, e perché ci fidiamo dell’azienda”. Grande affidabilità, dunque, unita al valore delle creazioni in oro e corallo che l’azienda torrese declina in collier, orecchini, anelli, mantenendo un equilibrio perfetto tra metalli preziosi e pietre, che giocano con il corallo e con la sua bellezza. Qualità, serietà e professionalità sono i fattori chiave del successo di Antonino De Simone. “Da 1 a 10 qual è il voto che assegna alla gentilezza e alla pazienza del team aziendale?”: neanche un’ombra di dubbio sulla risposta, i buyer riconoscono un 10 pieno, come pure positiva è la risposta alla domanda “Avete trovato una offerta soddisfacente rispetto alle vostre richieste di acquisto?”. “Il confronto diretto con i buyer è fondamentale – spiega Gioia De Simone – e da queste brevi interviste cerchiamo di trarre riflessioni utili per continuare sulla scia del nostro storico successo. Non è sufficiente incrementare la produzione per soddisfare la richiesta del mercato asiatico: la risposta è soprattutto diversificare e promuovere le vendite su altre destinazioni, evitando la concentrazione su un unico mercato che diventerà presto saturo. La lavorazione del corallo per un’impresa storica come la nostra , è arte, cultura e passione. Se vogliamo tramandare alle future generazioni tutto ciò, dobbiamo lavorare con intelligenza e lungimiranza. Il mondo viene da noi perché il corallo è amato da popoli di culture molto diverse tra loro e noi come città dobbiamo favorire questi contatti, superando l’individualismo sfrenato che alla lunga si ritorce conto la categoria”. Al tris di fattori individuati dai visitatori – qualità, serietà e professionalità – si può allora aggiungere un altro valore aggiunto della Antonino De Simone: la voglia e la capacità di fare rete, per offrire al mondo un prodotto unico. www.antoninodesimone.it  ]]>

Altre storie
Speciale Baselworld 2 / I modelli femminili del Salone svizzero, trionfano l'oro rosa e l'acciaio