fbpx


A Palermo in mostra i gioielli di Michele Cossyro

Oltre quarant’anni di arte orafa caratterizzano le creazioni di Michele Cossyro che per i suoi lavori utilizza argento, oro, platino, pietre preziose e, per tenere stretto il legame con il mare e la sua Pantelleria, corallo e perle. L’unicità e la profonda ricerca dei materiali fanno dei suoi gioielli dei veri ornamenti per il corpo dal forte carattere estetico, spesso in stretta connessione con la sperimentazione pittorica e plastica. Fino all’11 ottobre, nelle sale del Real Albergo delle Povere, a Palermo, il visitatore è guidato in un percorso di rarità dove la bellezza è il fulcro della mostra antologica “Universi”, organizzata dal museo Riso e curata da Bruno Corà, in cui si fondono mondi opposti attraverso voli pindarici che approdano in invenzioni spaziali, caratteristica della sua arte, che interpretano i misteri della natura: buchi neri, costellazioni, mare, pianeti. “Il Museo – dichiara la direttrice Valeria Patrizia Li Vigni – prosegue la sua opera di formazione delle giovani generazioni nell’ottica di trasmettere il saper fare dell’Artista Faber, come Cossyro ama definirsi, e indagare l’astrattismo del maestro delineando un percorso dell’arte concettuale  che ha voluto mostrare dall’interno delle tecniche artistiche e attraverso l’utilizzo di diversi materiali, specchi, bronzo,ceramica, metalli e pietre preziosi, le sue capacità’ tecniche e la natura immaginabile nell’opera d’arte nell’età post moderna.”          ]]>

Altre storie
Al Tarì “Shades of beauty”, la mostra di Assocoral a Mondo Prezioso